SOund36

SOund36 Anno 14 N. 577

“Anche se il nostro maggio ha fatto a meno del vostro coraggio
se la paura di guardare vi ha fatto chinare il mento […] Anche se avete chiuso le vostre porte sul nostro muso
la notte che le pantere ci mordevano il sedere
lasciandoci in buonafede massacrare sui marciapiedi
anche se ora ve ne fregate, voi quella notte voi c’eravate […] E se credete ora che tutto sia come prima perché avete votato ancora
la sicurezza, la disciplina, convinti di allontanare la paura di cambiare
verremo ancora alle vostre porte e grideremo ancora più forte
per quanto voi vi crediate assolti siete per sempre coinvolti”

Questa è la “Canzone del Maggio”, liberamente tratta da Fabrizio De Andrè da un canto del maggio francese. É una canzone di lotta ancora molto attuale che rimanda a quanto accadde durante la rivolta studentesca del 1968. Anche chi non partecipò alla rivolta per paura e per “quieto vivere” rimane comunque e sempre coinvolto negli avvenimenti. Un altro messaggio dal grande Faber che SOund36 vuole condividere con voi. Ascoltate il testo integrale nel video qui di seguito!

Adelmo Cervi porta avanti con orgoglio ed ostinazione la sua lotta contro le ingiustizie e i soprusi ed ogni giorno celebra la memoria dei 7 fratelli Cervi, fucilati dai Fascisti nel 1943

– La passione di tradurre un libro, ne abbiamo parlato con Giovanni Barone che ci presenta la sua ultima traduzione del libro La Metà del Doppio di F. Bermudez

– Un viaggio inedito e pervasivo con echi sinestetici quello che ci porta a fare Alessandro Martinelli nel suo nuovo album

– Un inno alla vita che viene dall’inferno della Grande Guerra lo portano Sophie Tassignon e Susanne Folk aka Azolia

L’Ep di debutto dei Defamed è composto da sei tracce impietose come un incendio che non si placherà mai

Fabrizio Poggi è andato via da Voghera per seguire il Blues ed è arrivato fino al tappeto rosso dei Grammy Awards e continuerà ancora il suo bel cammino

– Per Angela Megassini ogni cosa è importante., ogni cosa ha valore. Ecco il suo libro Volevo fare la Deejay, storie di campagna e di musica

About the author

Annalisa Nicastro

Mi riconosco molto nella definizione di “anarchica disciplinata” che qualcuno mi ha suggerito, un’anarchica disciplinata che crede nel valore delle parole. Credo, sempre e ancora, che un pezzetto di carta possa creare effettivamente un (nuovo) Mondo. Tra le esperienze lavorative che porterò sempre con me ci sono il mio lavoro di corrispondente per l’ANSA di Berlino e le mie collaborazioni con Leggere: Tutti e Ulisse di Alitalia.
Mi piacciono le piccole cose e le persone che fanno queste piccole cose con amore e passione

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi