Recensioni

Serena Diodati- Esistere

Claudia Erba
Scritto da Claudia Erba

Un distillato di spleen e liquidi cromatismi sonori, da sorbire d’un fiato

“Esistere” (Lilith Label, 2021) è l’esordio della cantautrice ferrarese Serena Diodati; un lavoro semiacustico, che sembra porsi a valle di una certosina ricerca sperimentale.
A stupire è la forte coesione d’insieme dell’album, contrassegnato da un sound peculiare nel quale confluiscono umori brasiliani, folk tradizionale, classicismo e incursioni elettroniche.
Sull’intelaiatura di chitarra acustica, dalla resa intenzionalmente atipica, si innestano di volta in volta sintetizzatore, violoncello, pianoforte, drum machine, chitarra elettrica e percussioni povere, al servizio di una prosa letteraria ed evocativa, punteggiata di felici lampi creativi. (sulla schiena una serpe, sulle labbra una colpa (…) una sera per giacca, una bestemmia per bocca)
Il voluto minimalismo degli arrangiamenti enfatizza una vocalità elegante e misurata, che trasuda una speciale grazia, probabilmente figlia della frequentazione della cantautrice con la musica sacra tardo rinascimentale e barocca.
Nel complesso, un distillato di spleen e liquidi cromatismi sonori, da sorbire d’un fiato.

About the author

Claudia Erba

Claudia Erba

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi