Recensioni

Piers Faccini – I Dreamed An Island

Claudio Donatelli

I Dreamed An Island è il capolavoro che Piers Faccini, dopo tanto studio, tanta fatica, tanto girare ha saputo scrivere e realizzare

Il titolo del nuovo album di Piers Faccini è I Dreamed An Island e per tutti i lettori questo è chiaramente un invito a scoprire cosa ha sognato questo artista e a conoscere, per chi ancora non lo conoscesse, il pensiero musicale di Piers. Lui ha vissuto la sua giovinezza in giro per il mondo, ha familiarizzato con le diversità dei luoghi che lo hanno ospitato, ha così ereditato una sorta di passaporto multiculturale, che in seguito ha riversato nel suo modo di fare arte. Si perché Piers non è solo uno dei cantautori europei più talentuosi in circolazione al momento, ma anche un ottimo polistrumentista e pittore.
Con il nuovo disco, pubblicato per la sua etichetta Beating Drum e per Ponderosa Music & Art, Faccini prosegue il suo viaggio nella tradizione musicale, linguistica, culturale, dei luoghi bagnati dal Mar Mediterraneo, con qualche salto oltre Manica.
L’ascolto di I Dreamed An Island ci lascia increduli, di come questo autore è riuscito, nel tempo ad entrare veramente nel cuore di tutte quelle persone che sono vissute in quelle terre e che hanno tramandato fino ad oggi suoni e significati di musica e parole. La musica come verità assoluta, come testimone di una reale integrazione, la musica come vero e pacifico ponte tra una città all’altra, superando mari, monti e pregiudizi, ignoranza, viltà.
Dalla collaborazione con Bijan Chemirani, percussionista Franco – Iraniano, nasce la canzone To Be Sky, il cielo che per essere cielo si alza dalla terra, ci si ritrova dopo essersi persi, la poesia e la musica sono unico linguaggio. Nella scrittura e nell’interpretazione delle canzoni sono state molte le collaborazioni alle quali Piers ha attinto, come in Bring Down The Wall per le parole in salentino di Mauro Durante, o per le percussioni di Simone Prattico. Poi citiamo il pioniere della world music Loy Ehrlich che al guembri, strumento a corde pizzicate, dona magia e visioni del deserto.
Anima è la bellissima canzone che alza ancora di più lo spessore poetico di questo disco, dove tutto si mescola insieme, la pizzica siciliana, ballate di Granada, l’Africa e l’Oriente, gioia e dolore, ma soprattutto l’amore per la musica.
I Dreamed An Island è il capolavoro che Piers Faccini, dopo tanto studio, tanta fatica, tanto girare ha saputo scrivere e realizzare. Da ascoltare e far ascoltare.

About the author

Claudio Donatelli

Claudio Donatelli

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi