La soffitta Recensioni

GORILLA di JAMES TAYLOR

Marco Restelli
Scritto da Marco Restelli

Dalla Soffitta abbiamo spolverato Gorilla di James Taylor, fra i suoi album più belli in assoluto

Purtroppo l’Italia non è mai stata terra di conquista della musica country folk, tant’è che anche grandi artisti come Johnny Cash, Emmylou Harris, Joni Mitchell, Joan Baez – giusto per citare alcuni mostri sacri – non sono stati particolarmente popolari, come invece in altre parti del mondo.
Non ha fatto eccezione, al riguardo, James Taylor che ha avuto la sua golden age soprattutto all’inizio della carriera inanellando una serie di album veramente notevoli a partire dallo splendido Sweet Baby James (1970), nota per la malinconica Fire and rain e soprattutto il successivo capolavoro Mud Slide Slim (1971) che gli regalò il primo e unico primo posto in classifica di un singolo con You’ve got a friend (scritta da Carole King).
La vena artistica particolarmente ispirata dell’artista americano continuerà ancora fino al 1976 con In The Pocket, album col quale concluse il suo rapporto contrattuale con la Warner prima di passare alla ancora più grande Columbia/CBS (acquistata dalla Sony Music nel 1988).
L’album Gorilla – pubblicato nel 1975 – che abbiamo ripreso e rispolverato dall’ormai mitica Soffitta di Sound36 si colloca quindi giusto nel finale di questo periodo della sua carriera ed è a mio avviso da annoverare fra i più belli in assoluto. Nel disco, che non conosce praticamente cali di livello estetico, ci sono 9 pezzi scritti da Taylor, una cover (la sempreverde uptempo How sweet it is con l’allora consorte Carly Simon ai cori) e la ripresa di un traditional (la sognante ballata Wandering, alla quale aggiunse parte del testo). Qua c’è tutto quello che verosimilmente lo ha sempre reso unico: la dolcezza espressiva, la delicatezza dei testi che, insieme alle sue morbide melodie ti cullano e ti riscaldano, grazie alla sua voce limpida e ai suoni acustici che le accompagnano.
L’inizio con Mexico – classico pezzo d’oltre oceano da ascoltare in auto magari fra una Take it easy e una Sweet home Alabama – è scoppiettante ma in realtà a farla da padrone in Gorilla sono le ballate.
I was a fool to care è la migliore in assoluto e ancorché non fu mai un singolo, né tantomeno un suo cavallo di battaglia nei concerti, resta un gioiellino di rara bellezza. La già citata Wandering è una sorta di ninna nanna da ascoltare davanti al fuoco, mentre un uomo racconta la sua storia di eterno viaggiatore, della sua vita, dei genitori, del servizio militare: in neanche 3 minuti ti stende al tappeto.
La title track è un blues (genere al quale James ha sempre fatto riferimento dedicandogli almeno un pezzo per ogni album) veramente piacevole da ascoltare, almeno quanto Lighthouse leggermente più andante e resa immortale per la presenza degli immensi David Crosby e Graham Nash ai cori. Un faro che illumina anche il buio più oscuro.
Music (piazzata nel lato A) e Love songs (in quello B) incorniciano un disco imperdibile per chiunque ami la musica folk o per chiunque ritenga sia arrivato il momento di provare ad ascoltarla. Una sorta di Bignami di come si dovrebbe concepire un LP prima di pubblicarlo…provate ad ascoltarlo non ve ne pentirete affatto.

About the author

Marco Restelli

Marco Restelli

Originario di Latina, ma trapiantato ormai stabilmente a Bruxelles. Collaboro con diversi siti musicali. Collezionista di dischi dai primi anni '80, ascolto praticamente ogni tipo di musica, distinguendo solo quella che mi emoziona da tutto il resto.
In progetto: l'attività di promoter di eventi live di artisti emergenti nel Benelux. Sono orgogliosamente cattolico, ma ritengo che la tolleranza sia alla base delle relazioni umane. Se dovessi salvare un solo disco, fra i miei 3500, sceglierei "Older" di George Michael. La mia più grande passione, oltre alla musica: la mia famiglia e i miei tre bambini.

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi