Recensioni

YOUAREHERE – Propaganda

Claudio Donatelli

il potenziale espressivo viene sperimentato con un preciso indirizzo, musicare le emozioni

Da pochi anni sono in attività la band degli YOUAREHERE, vengono da Roma, si occupano principalmente di musica elettronica, anche se il termine risulta troppo spesso limitante. Nel 2011 debuttano con il disco As When The Fall Leaves Trees (51beats) un album di 9 tracce che esaspera gli elementi ritmici, con loop ossessivi, ma che già mostrava una buona propensione alla ricerca melodica. Segue l’ep Primavera nel 2013, anno nel quale la band riesce a collezionare apparizioni live su palchi importanti come quello dell’Ypsigrock. Quindi arriviamo ad oggi che gli YOUAREHERE sono un trio con un discreto bagaglio di esperienze e gradimento, il giusto percorso per presentare il nuovo album Propaganda appena pubblicato per Bomba Dischi.
Un album che si presenta già con molte aspettative. Sveliamo subito che le aspettative sono state pienamente mantenute. Le macchine che la tecnologia rende sempre più piccole e leggere vengono governate dai 3 musicisti con grande padronanza, il potenziale espressivo viene sperimentato con un preciso indirizzo, musicare le emozioni. Il ritmo è sempre presente, ha un carattere primordiale, picchia ma con dolcezza, ora pulsante, ora robusto, spinge senza fronzoli al movimento. La gamma di suoni utilizzati rafforzano il piano ritmico sicuramente ma riescono a creare una sorta di mantra melodico che arriva a conquistare un livello di ascolto più profondo.
Le tracce di piano assolutamente minimale che sono sparse per il cd regalano nuove emozioni. Per essere più precisi parlare di musica elettronica risulta non aiutare la descrizione di Propaganda, meglio se raccontiamo di musica mutante, fortemente emotiva, evocativa di ricordi, immagini, sensazioni. Le tracce audio, i ritmi, i suoni, seguono lo scorrere del tempo e su questo cambiano il loro umore, il loro stato, creando dei cambi di scenario, crescendo di intensità emotiva. Un’idea che ci viene ascoltando questo disco: ma se David Byrne cantasse in un paio di tracce di Propaganda, quanto sarebbe bello e importante per gli YOUAREHERE?

Claudio Donatelli

About the author

Claudio Donatelli

Claudio Donatelli

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi