Recensioni Soundcheck

Yakamoto Kotzuga – Usually Nowhere

Annalisa Nicastro

Torniamo nella realtà di tutti i giorni rapiti da questi suoni che sanno ammaliare, provate ad ascoltarli

Yakamoto Kotzuga, nonostante il nome ci rimandi inevitabilmente al Giappone, è un musicista al 100% italiano, per la precisione di Venezia. Questo giovanissimo artista, al secolo Giacomo Mazzucato, ci ha sorpresi e immagino non solo noi, per la sua bravura certo, ma anche per la sua capacità di scuotere l’ascoltatore e catapultarlo in un Usually Nowhere, tanto per citare il titolo del suo album d’esordio.
Kotzuga è attivo sulla scena musicale dal 2013, con il suo progetto che unisce campionamenti della chitarra a morbidi inserti elettronici per sviluppare e tessere trame intimamente ambientali. Possiamo dire senza dubbio che è un vero e proprio talento dell’elettronica contemporanea.
Il suo debut album, Usually Nowhere è uscito il 24 marzo per La Tempesta International/Sugar, e già all’ascolto delle prime tracce ci siamo lasciati prendere e trasportare in un’altra dimensione. In Permanence è arrivata una navicella spaziale e ci ha portato via, verso suoni minimali provenienti da altri pianeti.
Contenti dell’esperienza ci siamo rilassati sempre di più con il morbido campionamento della chitarra in The Awareness of Being Temporary e abbiamo continuato comodamente il viaggio con Hermit.
Nell’album, specie nel brano che dà il titolo a questo lavoro, troviamo anche e soprattutto sincopi percussive, rumori ambientali, glitch e accordi in sequenza che ci ipnotizzano e che ci danno per un po’ l’illusione di stare altrove.
Sicuramente rispetto ai precedenti lavori di Kotzuga questo disco suona più granitico, le linee di basso si fanno più dure,e il risultato direi rimane ottimo.
Torniamo nella realtà di tutti i giorni rapiti da questi suoni che sanno ammaliare, provate ad ascoltarli.

Annalisa Nicastro

About the author

Annalisa Nicastro

Annalisa Nicastro

Mi riconosco molto nella definizione di “anarchica disciplinata” che qualcuno mi ha suggerito, un’anarchica disciplinata che crede nel valore delle parole. Credo, sempre e ancora, che un pezzetto di carta possa creare effettivamente un (nuovo) Mondo. Tra le esperienze lavorative che porterò sempre con me ci sono il mio lavoro di corrispondente per l’ANSA di Berlino e le mie collaborazioni con Leggere: Tutti e Ulisse di Alitalia.
Mi piacciono le piccole cose e le persone che fanno queste piccole cose con amore e passione

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi