Recensioni

Tom Odell – Long Way Down

Claudio Donatelli

Il pianoforte è lo strumento con il quale scrive pagine di ottime melodie, la voce è profonda, il suo songwriting traspira euforia giovanile, malinconia camuffata da allegra leggerezza.

La grande scena musicale mondiale sembra quasi affetta nella sua totalità da una grave forma di pigrizia. Una malattia che ha moltepici cause, il web dove tutti sembrano delle star navigate, la televisione che dà spazio solo alle interpretazioni di vecchi brani, le macchine riproduttrici di suoni… insomma il già scritto, ideato, conosciuto affascina soprattutto perchè rende le cose più semplici. E così il pensare cose originali e nuove sembra una vecchia pratica, inutile e troppo dispendiosa. Ma non per tutti fortunatamente. Infatti abbiamo appena conosciuto un giovane dalla gande passione per la scrittura delle canzoni, viene da Londra e ha appena 22 anni. Tom Odell da giovanissimo studia pianoforte e inizia da subito a scrivere brani, li porta in giro per locali e pub offrendosi spontaneamente accompagnato dalla sua tastiera. La sua tenacia, fiducia in quello che ama fare, ma soprattutto una grande pazienza lo hanno in seguito portato a conquistare un contratto discografico per la Columbia/Sony Music.
Dopo la pubblicazione dell’EP Songs From Another Love grazie al quale si è conquistato un premio ai Brit Awards 2013, oggi arriva a rilasciare il suo album di debutto Long Way Down, in uscita il 29 ottobre.
Il pianoforte è lo strumento con il quale scrive pagine di ottime melodie, la voce è profonda e ispirata da gente come Bowie, Elton John. Il suo songwriting traspira euforia giovanile, malinconia camuffata da allegra leggerezza. Un artista che ama la musica in generale, che è protagonista principale della sua vita. I musicisti che lo accompagnano hanno contribuito nel completare il grande lavoro che Tom aveva già fatto in fase di scrittura, infatti le 10 tracce di questo disco hanno una forza emotiva che le fa stare in piedi, ben dritte, anche ripensandole in versione voce e piano.
In Grow Old With Me l’ascoltatore viene immerso in una splendida ballata soul dalla forza evocativa strabiliante, un crescendo emotivo che potrebbe scardinare la resistenza ad emozionarsi del peggior cuore di pietra.
Another Love sa essere triste e solitaria fino all’estremo del freddo, ma il desiderio di non arrendersi ci fa apprezzare fino in fondo questo ragazzo. Voce e piano per la dolce Sense, brano che si deve ascoltare fino a carpire il battito dei tasti, il respiro tra le parole, tutte le imperfezioni e i rumori che possono far grande una canzone.
Tom di strada ne ha già percorsa tanta, tra bar, locali notturni, sale prova fino ad arrivare in uno studio di registrazione. Ma a differenza dei suoi coetanei non ha voglia di fermarsi, si perchè senza pensare al successo che potrà portargli questo Long Way Down, già sta scrivendo il materiale per il prossimo disco.

Claudio Donatelli

About the author

Claudio Donatelli

Claudio Donatelli

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi