Recensioni

The Pussywarmers&Réka–I Saw Them Leaving

Claudio Donatelli

Un consiglio, il ripetuto ascolto delle 10 tracce di I Saw Them Leaving regala nuovi e interessanti risvolti

Ci si risveglia dopo un profondo sonno e non si hanno le idee chiare sul dove e sul quando. Disorientati ci si muove lentamente cercando un appoggio, in preda ad un attacco di vertigini. La musica che ci circonda è quella dei The Pussywarmers & Réka e del loro nuovissimo album I Saw Them Leaving.
Dopo due dischi realizzati con gli amici della Voodoo Rhythm, oggi arrivano a lavorare con la Wild Honey Records. Il lavoro sapiente di Nene Baratto dei Movie Star Junkies, l’aggiunta di strumenti quali banjo e trombone, le onnipresenti chitarre Harmony e i delicati organi optigani. Questo e non solo hanno addolcito le atmosfere, reso il prodotto ancor più ammaliante e fuori dal comune. Si, proprio fuori!
In questo episodio della saga Pussywarmers si è aggiunto un nuovo protagonista, direttamente dall’Ungheria la loro amica Réka.
L’inizio del disco è una vibrante ballata romantica per bagni notturni Under The Sea. Canzone dal grande potere comunicativo e che racchiude tutta la magia onirica che si respira nel disco.
In Sunrise ci si ritrova ad asciugarsi sotto il battere di un sole fortissimo, che tutto illumina ed inaridisce. La voce di Réka lentamente avvolge e indica la via per la salvezza. La band dimostra una spiccata tendenza a scrivere pagine di uno stralunato romanticismo, dove i protagonisti sembrano essere freak senza nome o identità. In ogni storia d’amore che si rispetti c’è il momento del ballo scatenato, in questo caso accompagnato dal surf di Young Men Living. Così si è ascoltati già alcuni momenti importanti di questo lavoro musicale, ma non è abbastanza. This Town arriva nella seconda parte dell’LP e ci riporta, dopo una passeggiata per le stelle, con i piedi sulla Terra, con la sua grinta, intensità, libera interpretazione di quell’animo di bambino che pulsa forte in questo progetto.
I Pussywarmers hanno iniziato relativamente presto a suonare insieme, solo 5 anni, nei quali però si sono impegnati in una densa esperienza live, suonando un po’ ovunque. Questo spirito gli ha donato quel feeling e affiatamento che permette loro di scendere con naturalezza nel profondo dei loro pensieri imbracciando una chitarra o battendo su una cassa.
Un consiglio, il ripetuto ascolto delle 10 tracce di I Saw Them Leaving regala nuovi e interessanti risvolti.

Claudio Donatelli

About the author

Claudio Donatelli

Claudio Donatelli

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi