Recensioni

The Pack A.D. – Do Not Engage

Claudio Donatelli

Il nuovo disco delle The Pack A.D. è una miscela di energico e sporco rock, di atmosfere cupe venate da incursioni melodiche, di spirito punk di ultima generazione.

Come in una delle tante storie musicali, scritte sul quaderno del punk rock, il duo The Pack A.D., si è dato molto da fare per emergere tra le paludi del mainstream globale.
Dal 2006 Becky Black (voce, chitarra) e Maya Miller (batteria) hanno lavorato duro e incessantemente, suonato ovunque, anche in locali semi deserti.
Quattro pubblicazioni di crescente qualità espressiva, che hanno raccontato le inquietudini di due ragazze che amano il lato sporco del rock. In commercio è arrivato da poco il loro quinto lavoro dal titolo Do Not Engage e le fiamme del loro fuoco si fanno ancora più alte. Il minimalismo che è insito nella loro formazione, viene sorprendentemente ribaltato, canzone dopo canzone, dalle indolenti melodie che tendono all’esplosione. Il duo di Vancouver ha studiato bene le lezioni di rock per perdenti scritte dal professor Kurt Cobain. Becky e Maya si sono immerse in una sorta di fumoso bianco e nero che ha tinto le atmosfere della loro musica di misteriosi riverberi.
B. Black è una discreta chitarrista, pochi ricami e molta sostanza per il suo easy punk. In apertura di Do Not Engage si può ascoltare Airborne una ripetitiva ballata che esalta i toni scuri della band. A seguire si può godere di Big Shot, un gioiellino da classifica che ha tanto le sembianze di un nostalgico motivo dell’era Pixies. La furia di The Pack A.D. si scatena tutta con i due pezzi in seguenza: Creepin’ Jenny e Battering Ram, due rabbiose e robuste canzoni che vedono l’energia di Maya infierire sulla batteria. Crescendo chitarristici, silenzi repentini, dolci e potenti cori, indizzi che rimandano alla psichedelia rumorosa anni ’90.
Il nuovo disco delle The Pack A.D. è una miscela di energico e sporco rock, di atmosfere cupe venate da incursioni melodiche, di spirito punk di ultima generazione. Per gli amanti delle nuove tendenze giovanili.

Claudio Donatelli

About the author

Claudio Donatelli

Claudio Donatelli

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi