Recensioni

Mr Everett – Umanimal

Claudia Erba
Scritto da Claudia Erba

Un collage anticoniano, irrisolto e contaminante.

Il progetto multimediale “Mr Everett”, che travalica l’angusto spazio della tradizionale “band elettronica”, torna, dopo “Uman” del 2017, con “Umanimal” (“Grifo Dischi”), riuscitissimo macramè di stili musicali in cui il minimalismo electro si innesta su strutture melodicamente pop, alla maniera della band inglese XX, non a caso citata nella cover-mashup “Wicked Game x Crystalised”.
In equilibrio tra dancefloor e fiammate di avanguardia elettronica, “Mr Everett” si pone tra gli esponenti più interessanti della scena musicale post-club, realizzando una forte ed eversiva interazione tra musica ed arti visuali, che viene convogliata in un live show performativo all’insegna della commistione e dell’ibridazione tra idee, sonorità e tecnologia digitale.
L’attrazione per la uk-garage più cupa, unita alla fascinazione esercitata sul gruppo dalla dub e dalla jungle, suggerisce commistioni sperimentali, variazioni e dicotomie.
Passando dall’orientalismo di “Japanese Safari”al grime,“Mr Everett” fa convergere espressionismo cyber-pop, campionamenti vocali, avant-rap, divagazioni ambient e battiti sincopati à la Burial in un collage anticoniano, irrisolto e contaminante.

Foto di copertina di Luca Patrone

About the author

Claudia Erba

Claudia Erba

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi