A propos de

Leonardo Arena in Atman Sound Project

Annalisa Nicastro

L’ascoltatore e il musicista si spogliano di tutte le aspettative, sembrano essere nudi di fronte a questa musica composta anche con il suono del silenzio, del rumore e del caso.

 

Non è facile trasmettere emozioni e rendere chiari e semplici concetti che sembrano alle volte così difficili da comprendere, eppure il prof. Leonardo Arena c’è riuscito ancora una volta. A Roma, nei giorni scorsi, c’è stato un doppio appuntamento con lui, in uno lo abbiamo ascoltato (all’IPad) con Raffaele Catà (al basso elettrico) nell’ Atman Sound Project, nell’altro lo abbiamo seguito in una serata dedicata a Giacinto Scelsi, uno dei più importanti compositori della cultura musicale contemporanea, noto per i suoi lavori di musica microtonale e il primo adepto della dodecafonia in Italia.
Entrambe le serate sono state ospitate in luoghi storici e molto suggestivi: la prima si è svolta a Libreria Museo del Louvre una wunderkammer dedicata alla cultura del Novecento, che oltre a libri, periodici e cataloghi d’arte, propone fotografie e manifesti originali, disegni, quadri e altre opere visive; l’altra ha avuto luogo al Museo Scelsi, dove risiede la Fondazione omonima dedicata al compositore.
Studioso, insegnante universitario, scrittore e musicista, Leonardo Vittorio Arena stupisce il pubblico, che alla fine di ogni sua performance, musicale e non, si mostra sempre interessato, riservandogli generosi applausi e ponendogli molte domande.
Per il Prof. Arena musica e filosofia si intersecano profondamente perchè entrambe sono mezzi di conoscenza e diventano terreno fertile per creare nuove e infinite possibilità di confronto. Quando la sua filosofia del nonsense incontra la musica nasce il non-suono e con questo l’ Atman Sound Project con la sua improvvisazione musicale radicale. Proprio questa improvvisazione consente il fluire dell’evento musicale in maniera spontanea, senza forme prefissate come l’aspetto melodico, armonico o ritmico che ingabbierebbero la purezza e la spontaneità dell’atto stesso in divenire. L’ascoltatore e il musicista si spogliano di tutte le aspettative, sembrano essere nudi di fronte a questa musica composta anche con il suono del silenzio, del rumore e del caso.
La musica nella sua totalità è una possibilità di trasformazione, sia per l’ascoltatore che per l’artista, proprio perché penetra nell’impalpabile e aiuta nell’evoluzione spirituale dell’essere, l’ascolto della musica ci aiuta a diventare noi stessi in libertà. La cosa più bella è proprio questa infatti, di tornare a casa e pensare e sentire quello che più ci piace.

Qui di seguito un esperimento di ICONOFONIA, un video realizzato dall’artista Benedetta Montini (Libreria Museo del Louvre) che incontra l’Atman Sound Project

 

About the author

Annalisa Nicastro

Annalisa Nicastro

Mi riconosco molto nella definizione di “anarchica disciplinata” che qualcuno mi ha suggerito, un’anarchica disciplinata che crede nel valore delle parole. Credo, sempre e ancora, che un pezzetto di carta possa creare effettivamente un (nuovo) Mondo. Tra le esperienze lavorative che porterò sempre con me ci sono il mio lavoro di corrispondente per l’ANSA di Berlino e le mie collaborazioni con Leggere: Tutti e Ulisse di Alitalia.
Mi piacciono le piccole cose e le persone che fanno queste piccole cose con amore e passione

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi