Cookie Policy

Recensioni

Thee Elephant – Thee Elephant

Annalisa Nicastro

Cresciuti a ‘pane e rock’ il sound degli Elephant è viscerale e graffiante, con evidente attitudine psichedelica e noise

Il Vintage dei Thee Elephant

“Giocare con gli stili che hanno gettato le basi del rock”, con questo intento preciso nascono i Thee Elephant, da un incontro casuale tra Dola J. Chaplin, cantante folk casalvierano e Sante Rutigliano, produttore artistico e già membro degli Oh Petroleum.
I due decidono subito di dar vita ad una collaborazione.
Nel loro percorso incontreranno Simone Prudenzano, batterista anche lui appartenente alla formazione degli Oh Petroleum, Matteo Scannicchio, tastierista, e Milo Scaglioni, bassista, per completare definitivamente la formazione della Band nel Gennaio 2013 .
Cresciuti a ‘pane e rock’ il sound degli Elephant è viscerale e graffiante, con evidente attitudine psichedelica e noise.
Il 14 Marzo del 2014 è ucito il loro omonimo album, un album ricco di contaminazioni retrò e citazioni epocali colte.
Un viaggio nel tempo, in cui si attraversano ben 3 decadi buone di musica;si alternano episodi ’50, fuzz e saturazioni, jingle jungle, psichedelia west coast e manipolazioni ’70.
La ciliegina sulla torta è la registrazione, i Thee Elephant optano per un nastro da due pollici, strumentazioni e apparecchiature originali degli anni 60, condite da un mix analogico.
Nel disco c’è un’atmosfera notturna, ovattata e misteriosa, lisergica, graffiata dal timbro profondo del frontman Dola.
Il risultato è un ‘melting pot’ di grande pathos: una grande ricerca del suono, testi forti con grande potenziale espressivo, mix di urla primordiali e cori deliranti, scosse e percussioni.

Noemi Bruni

TRACKLIST
In Love Again
The Fool
Orpheus
Hole in the Road
I’m a Loser
That’s Beyond the Pale
Go to Spain
Here for you
Home
Summerwind

About the author

Annalisa Nicastro

Annalisa Nicastro

Mi riconosco molto nella definizione di “anarchica disciplinata” che qualcuno mi ha suggerito, un’anarchica disciplinata che crede nel valore delle parole. Credo, sempre e ancora, che un pezzetto di carta possa creare effettivamente un (nuovo) Mondo. Tra le esperienze lavorative che porterò sempre con me ci sono il mio lavoro di corrispondente per l’ANSA di Berlino e le mie collaborazioni con Leggere: Tutti e Ulisse di Alitalia.
Mi piacciono le piccole cose e le persone che fanno queste piccole cose con amore e passione

error: Sorry!! This Content is Protected !!