Cookie Policy

Soundcheck

Hank – L’Aria è Tesa

Annalisa Nicastro

Arrivano al primo “long playing” gli Hank dalla provincia di Salerno, forti di un paio di buoni Ep e di una lunga gavetta di live per la Campania e non solo.
Il lavoro si intitola L’aria è Tesa e fin dal titolo ne lascia intendere in maniera chiara l’esito. Gli Hank suonano forte, ci vanno giù pesante e non badano tanto ai convenevoli.
Il loro è un suono grezzo, diretto e volutamente low-fi, o almeno è questa l’impressione che ci destano ai primo ascolti, quelli di “Nella città dei folli” e “Questo cielo mi disturba”.
Una buona dose del rock alternativo italiano (Verdena? ) si incontra con reminiscenze di inizio anni 90 (Litfiba?), almeno fino all’ascolto di “Tutto sa di umido” e “Canzone di Febbraio”, in cui vengono fuori momenti meno aggressivi ma allo stesso tempo sempre pungenti che ci fanno pensare ad alcune produzioni dei Motorpshycho.
“Lame” è invece il brano meglio concepito. Ottimo riff di chitarra e bel testo. In definitiva un buon esordio che non griderà certo alla sensazionalità, ma che pare non aver questo obiettivo.
Gli Hank sono certamente una band non alla moda, in un momento in cui l’indie italiano reclama cantautori ed intellettuali e gli stessi Afterhours non stanno avendo il meritato riscontro; ma di certo non deluderanno le aspettative di quei reduci del rock italiano.
 
Artista: HANK
Titolo Singolo: Nella città dei poveri (primo singolo estratto da “L’aria è tesa”)
Genere: Indie/Rock
Label: Autoprodotto 2012
Sito: https://www.facebook.com/3hank

Tracklist
1 – Nella città dei folli
2 – Questo cielo mi disturba
3 – Un’altra faccia
4 – Tutto sa di umido
5 – Naufragi in ombra
6 – L’aria è tesa
7 – Canzone di Febbraio
8 – Lame
9 – L’immagine perfetta

About the author

Annalisa Nicastro

Annalisa Nicastro

Mi riconosco molto nella definizione di “anarchica disciplinata” che qualcuno mi ha suggerito, un’anarchica disciplinata che crede nel valore delle parole. Credo, sempre e ancora, che un pezzetto di carta possa creare effettivamente un (nuovo) Mondo. Tra le esperienze lavorative che porterò sempre con me ci sono il mio lavoro di corrispondente per l’ANSA di Berlino e le mie collaborazioni con Leggere: Tutti e Ulisse di Alitalia.
Mi piacciono le piccole cose e le persone che fanno queste piccole cose con amore e passione

error: Sorry!! This Content is Protected !!