Interviste

James & Black, intervista

“James & Black, una storia di groove e amore”

Ciao Alessandro! Mi scuso per averci messo così tanto! Grazie mille per aver pensato a noi!

Sono molto felice di potervi intervistare! Da quando vi ho ascoltato e fotografato per la prima volta nel 2017, sono innamorato del vostro groove e della vostra magica atmosfera! Siete la “nuova via” dopo Otis Redding, Joe Cocker e Aretha Franklin e pur mantenendo il vostro groove personale avete una miscela esplosiva di amore per la vita. Sei d’accordo?
Ciao Alessandro! Grazie mille per averci contattato, sembrano passati anni da quando abbiamo fatto un concerto. Apprezzo che tu mi ricordi che siamo ancora nel mondo della musica. Viviamo decisamente quello che facciamo – viviamo viaggiando, incontrando nuove persone, sperimentando nuove culture. La musica è davvero un veicolo.

Siete una coppia nella vita e nella musica. Venite da Austin, una città molto difficile, in più siete un bianco e nero. Usate la musica come scudo contro l’ingiustizia sociale del mondo?
Crescendo in Texas ti rendi conto della disparità tra le razze e lo status socioeconomico – come disse Nina Simone, “un artista ha il dovere di riflettere i tempi”. Entrambi sentiamo di avere la responsabilità di combattere l’ingiustizia e di portare consapevolezza con la nostra musica. Guarda Marvin Gaye e ‘What’s Going On”, musicalmente molto funky e ballabile ma liricamente molto pesante e significativo.

Bruce, tu sei un pianista con una voce calda, pastosa e coinvolgente mentre Bella è un mix di sensazioni funk e soul che con la sua grazia sul palco cattura il pubblico trascinandolo in una continua onda sonora. Non sei mai giù di corda sul palco, eppure sprigioni potenti emozioni. Come sei nata musicalmente?
Entrambi siamo cresciuti suonando musica gospel, questa è la radice. Sono andato a scuola di jazz e ho suonato la tromba quando ero più giovane per tutto il periodo del college. Ho sempre creduto che il soul, il funk, il blues, l’hip hop – questi sono tutti rami dell’albero del gospel – la profonda tradizione indigena afroamericana che è unica negli Stati Uniti.

Austin è conosciuta come una roccaforte della politica liberale in uno stato conservatore, ed è per questo che hai deciso di venire a vivere in Europa nel 2012, e più precisamente ad Amburgo?
Ci siamo trasferiti per diverse ragioni, e tornando negli Stati Uniti, mi viene ricordato ogni giorno che la politica, le disuguaglianze economiche e il razzismo sistematico sono profondamente radicati nelle fondamenta degli Stati Uniti, c’è ancora così tanto lavoro da fare. Siamo tornati da più di un anno ormai. Immagino che sia una posizione liberale, ma credo che l’assistenza sanitaria sia un diritto umano, l’istruzione dovrebbe essere disponibile per tutti, ogni uomo, indipendentemente dalla sua razza, affiliazione religiosa o orientamento è uguale. Suona americano, vero? Forse questo è il mito dell’America.

Da quando ti sei trasferito in Europa hai iniziato a viaggiare per il mondo e hai posto le basi in Belgio, Olanda, Germania, Italia, Spagna, Francia, Bulgaria, Regno Unito e ora anche Slovacchia. La cosa curiosa è che in ogni paese in cui vai, hai la band pronta che ti aspetta! Tutti sono entusiasti di lavorare con voi…
Siamo stati fortunati da incontrare così tanti musicisti fantastici – c’è voluto un po’ di tempo ma abbiamo più di 40 incredibili membri della band ora in 9 paesi.

Ho trovato il vostro primo album, “How long is now”, pieno di ritmo caraibico e con un suono blues misto. “Where can ma go” è plasmato dalla voce di Bella con forte artigianalità e personalità. Seguono tutti i pezzi che si mescolano con il fraseggio del piano, sempre delicato. I vostri testi raccontano cose della vostra vita, giusto?
Sicuramente scriviamo da esperienze personali – Bella è davvero una fantastica narratrice di storie – ha la capacità di portarti lì – sempre sincera.

“This time” è il vostro secondo album in studio. Qui siete maturati molto, un grande passo avanti. Sicuramente l’album più raffinato e pulito! Come ti trovi in Europa?
Grazie! Abbiamo registrato ‘This Time’ a Bruxelles con Jean Pol van Ham – l’ex produttore di Vaya Con Dios, dal Belgio. Avevamo anche un meraviglioso gruppo di musicisti per le sessioni – principalmente dall’Olanda e dal Belgio, ma anche il nostro chitarrista di lunga data, Fumihito Sugawara, che è venuto da Austin per registrare. Lo studio era fantastico e la squadra era davvero in sintonia – è stato davvero come una vacanza di lavoro. È stata una grande esperienza – penso che si possa sicuramente sentire nella musica.

Nei recenti tour italiani, hai fatto uso di un grande chitarrista, che è anche un tuo grande amico: Max Benassi. Come avviene la scelta dei musicisti che fai in ogni diverso paese?
Max è fantastico, è davvero un membro della nostra famiglia. Non solo suona una chitarra fantastica, ma ci aiuta anche con tutta la logistica dei nostri tour italiani. La musica è tutta una questione di costruire relazioni per noi – quando incontri un grande musicista, li incontri tutti perché
Ci conosciamo tutti – uccelli di piume. Siamo stati estremamente fortunati ad avere una grande famiglia musicale.

Bruce, dalla rivista The Austin Cronicle sei stato definito… uno degli artisti più colorati di Austin. Aggiungerei che sei uno che sa il fatto suo e che si avvale di un grande interprete che è Bella! Dietro la tua musica si nasconde una carriera musicale che ha attraversato più di vent’anni.
Grazie per queste gentili parole – la musica è stata sicuramente al centro della mia vita per 30 anni, professionalmente per 25. Austin è stata una meravigliosa spinta per avere una comunità per crescere e trovare la tua voce come artista.

Bella, da dove partono le tue origini che poi ti portano a diventare un grande interprete?
Sono cresciuto in una famiglia il cui centro sociale era la chiesa del quartiere – mio padre era anche ministro. Il suo migliore amico, e leader della banda/coro della chiesa è afroamericano – cantava come Sam Cooke. Incredibilmente, condividevano anche lo stesso compleanno e avevano la stessa età. Non si rendeva conto che mi stava davvero insegnando a cantare e ad arrangiare la musica tanto quanto lui. Ricordo che si frequentavano sempre. Ovviamente la prospettiva era molto diversa a causa del luogo di provenienza di entrambi. Ha avuto un grande impatto su di me.
Bella: Sono cresciuta in una piccola città nel sud-est del Texas chiamata Indian Hill. Sono cresciuta cantando musica gospel in chiesa e ho sempre amato la musica. Fino a quasi 10 anni fa avevo una carriera negli affari – james & black è la mia prima esperienza musicale professionale.

Finalmente di nuovo in studio. Nel 2020 esce un bellissimo EP intitolato “Be water my love”. Un disco coinvolgente, dove c’è molto ritmo, ma sempre con quel tuo tocco personale e con una sezione fiati molto elegante. Come siete riusciti a produrre un disco così bello in un periodo così difficile come questo?
Bella: la copertina di questo disco sembra venire da una tua idea, per quanto elegante e raffinata sia. Sei d’accordo?
Bruce: Sono contento che ti piaccia! In realtà abbiamo registrato le tracce ritmiche dal vivo nella primavera del 2019 ad Anversa con Jordi Geuens e Erik Rademakers – abbiamo aggiunto Jeroen Capens al sax, che in realtà ha suonato tutte le parti di corno, un po’ più tardi con Max e Fumi che hanno registrato le loro parti in remoto. Abbiamo tagliato le parti vocali dopo essere tornati negli Stati Uniti. Siamo davvero soddisfatti – penso che sia il nostro gruppo di canzoni più maturo – cattura davvero l’evoluzione di noi come scrittori e come band.
Anche l’artwork è fantastico, fatto da un amico che vive a Boston, Kelechi Ekechi

Nel frattempo, grazie mille per la tua disponibilità e per le emozioni che hai scatenato. Spero che i tuoi viaggi per il mondo possano riprendere, con la tua solita forza. E che questo 2020 ci abbia insegnato che basta poco per essere felici.
Grazie Mille Alessandro! Non vediamo l’ora di suonare presto un po’ di musica! Buon anno nuovo! Sicuramente ci mancate tutti e speriamo di vedervi presto.

Grazie di cuore per questa opportunità. Speriamo di rivedervi presto.

Intervista e foto: Alessandro Corona

English Version:  

Hi Alessandro!  I apologize for taking so long!  Thank you so much for thinking of us!  Take care! 

 I’m very excited to able to interview you! Since I listened to and photographed you for the first time in 2017, I am in love with your groove and your magical atmosphere !You are the “new path” after Otis Redding, Joe Cocker and Aretha Franklin and while maintaining your own personal groove you have an explosive blend of love for life. Do you agree?
Ciao Alessandro!  Thanks so much for checking in and reaching out – it seems like years since we’ve played a gig.  I appreciate you reminding me that we are still in the music business.  We definitely live what we do – we live traveling, meeting new folks, experiencing new cultures.  Music is truly a vehicle.  

 You are a couple in life and in music. You come from Austin, a very difficult city, plus you are a black and white. Do you use musica as a shield against the social injustice of the world?
Growing up in Texas you do realize as you get older the disparity between races and socioeconomic status – as Nina Simone said, “an artists duty is to reflect the times.”  We both feel we have a responsibility to combat injustice and to bring awareness with our music.  Look at Marvin Gaye and ‘What’s Going On – musically very funky and danceable but lyrically very heavy and meaningful.  

Bruce, you are a pianist with a warm, mellow and enthralling voice while Bella is a mix of funk and soul sensations which with her grace on stage captures the audience by dragging them into a continuous sound wave. You are never down on stage, yet you unleash powerful emotions. How were you born musically?
We both grew up playing gospel music – that’s the root.  I went to school for jazz and played trumpet when I was younger throughout college.  I always believe soul, funk, blues, hip hop – these are all branches from the gospels tree – the deep indigenous African American tradition that is unique to the USA.  

Austin is known as a stronghold of liberal politics in a conservative state, and is that why you decided to come and live in Europe in 2012, and more precisely in Hamburg?
We moved for quite a few reason, and being back in the states, I’m reminded daily that the politics, inequalities economically and the systemic racism are deeply rooted in the foundation of the United States – there is so much work to do.  We’ve been back for over a year now.  I guess it’s a liberal stance but I believe health care is a human right, education should be available to everyone, every human, regardless of their race, religious affiliation or orientation are equal.  Sounds American right? Maybe that’s the myth of America.  

Since you moved to Europe you have started traveling the world and laid the foundations in Belgium, Holland, Germany, Italy, Spain, France, Bulgaria, UK and now also Slovakia. The curious thing is that in every country you go, you have the band ready waiting for you! Everyone is excited to work with you… !!
We have been so fortunate to meet so many fantastic musicians – it took a while but we have over 40 incredible band members now in 9 countries.   

I found your first album, “How long is now”, full of Caribbean rhythm and with a mixed blues sound. “Where can ma go” is shaped by Bella’s voice with strong craftsmanship and personality. Following are all the pieces that mix with the phrasing of the piano, always delicate. Your lyrics tell things about your life, right?
We definitely write from personal experience – Bella is really a fantastic story teller – she has the ability to take you there – always sincere.  

“This time” is your second studio album. Here you have matured a lot, a big step forward. Surely the most refined and clean album! How are you in Europe?
Thanks!  We recorded ’This Time’ in Brussels with Jean Pol van Ham – the former producer of Vaya Con Dios, from Belgium.  We also had a wonderful group of musicians foe the sessions – mostly from Holland and Belgium but also our long time guitarist, Fumihito Sugawara that came over from Austin to record.  The studio was amazing and the team was really dialed in – it really was like a working holiday. It was a great experience – I think you can definitely hear it in the music.  

In recent Italian tours, you have made use of a great guitarist, who is also a great friend of yours: Max Benassi. How does the choice of musicians you make in each different country happen?
Max is fantastic – really a member of our family.  He not only plays a mean guitar, he helps us with all of the logistics of our Italian tours as well.  Music is all about building relationships for us – when you meet one great musician, you meet them all because they all know each other – birds of a feather.  We’ve been extremely fortunate to have a really big musical family.  

Bruce, by The Austin Cronicle magazine you have been called… one of the most colorful artists in Austin. I would add that you are someone who knows his stuff and who makes use of a great interpreter who is Bella !!! Behind your music hides a musical career that has spanned over twenty years.
Bella: Why did you decide to follow Bruce on this fabulous journey?
Thanks for those kind words – music has definitely been at the center of my life for 30 years, professionally for 25.  Austin was a wonderful Petri dish for finding your thing and having a community to grow and find your voice as an artist.  

Bruce, why do you say you have two fathers in your life? A Caucasian, white, and Jerry Martin, your father’s best friend, black. Can you explain better how it went?
Bella: where do your origins start, which then lead you to become a great interpreter?
I grew up in a family whose social center was the neighborhood church – my father was a minister also.  His best friend, and church band/choir leader is African American – sang like Sam Cooke.  Incredibly enough, they also shared the same birthday and were the same age.  He didn’t realize he was really teaching me how to sing as well as how to arrange music as much as he did.  I remember them hanging out all the time.  Obviously the perspective was quite different because of where they were both from.  It had a big impact on me.  
Bella:  I grew up in a small town in south east Texas called Indian Hill.  I grew up singing gospel music in church and always loved music.  Until almost 10 years ago I had a career in business – james & black is my first professional music experience.  

 Finally back in the studio. In 2020 a beautiful EP titled “Be water my love” is released. An enthralling record, where there is a lot of rhythm, but always with that personal touch of yours and with a very elegant horn section. How did you manage to produce such a beautiful record in such a tough time as this? Beautiful: the cover of this album seems to come from your idea, however elegant and refined it is. Do you agree?
I’m glad you like it!  We actually recorded the rhythm tracks live in the spring of 2019 in Antwerp with Jordi Geuens and Erik Rademakers – we added Jeroen Capens on sax, who actually played all the horn parts, a little later with Max and Fumi recording their parts remotely.  We cut the vocals after we had gotten back to the states.  We’re really happy with it – I think it’s our most mature batch of songs – it really captures the evolution of us as writers and as a band.  
The artwork is fantastic as well – done by a friend living in Boston, Kelechi Ekechi   

In the meantime, thank you very much for your availability and the emotions you have unleashed. I hope your travels around the world can resume, with your usual strength. And that this 2020 may have taught us that it takes very little to be happy.

Grazie Mille Alessandro!  We look forward to playing some music soon!  Happy new year! We definitely miss you all and hope to see you guys soon.  

Thank you from the bottom of my heart for this opportunity. We hope to see you again soon.

.

About the author

Alessandro Corona

Alessandro Corona nasce a Bassano del Grappa (VI) nel ’57. Dopo aver vissuto in varie zone del Veneto, si trasferisce a Bologna negli anni’70, seguendo tutto il movimento artistico di quel periodo; dai fumetti di A. Pazienza e N. Corona, alla musica rock britannica e americana, a quella elettronica di stampo tedesco, al cinema d’avanguardia tedesco e francese, per approdare poi alla scoperta della fotografia internazionale seguendo corsi di approfondimento e di ricerca.

Scatto per non perdere l’attimo.
Esistono delle cose dentro ognuno di noi, che vanno messe a fuoco.
Esistono cose che ci circondano e che non vanno mai perse, attimi che possono cambiare il nostro futuro; ognuno di noi ha un’anima interiore che ci spinge verso quello che più ci piace o ci interessa.
Io uso la macchina fotografica come un prolungamento del mio braccio, la ritengo un contenitore enorme per catturare tutti quei momenti che mi appartengono.
Passato e futuro si uniscono fondendosi insieme e per caratterizzare l’anima degli scatti creo una “sensazione di fatica” nella ricerca dell’immagine mettendo in condizione l’osservatore, di ragionare e scoprire sé stesso dentro l’immagine.
Trovo interessante scattare senza pensare esattamente a quello che faccio; quando scatto il mio cuore muove un’emozione diversa, sento che la mia mente si unisce con estrema facilità al pulsante di scatto della mia macchina, non esito a cercare quel momento, non tardo un solo secondo per scattare senza riflettere.
Il mio mondo fotografico è principalmente in bianco e nero, il colore non lo vedo quasi più, la trasformazione cromatica è immediata.
Non esito: vedo e scatto!
La riflessione per quello scatto, si trova in mezzo tra il vedere e lo scattare senza esitare sul risultato finale, senza perdere tempo in quel momento.
Diventa immediato per me capire se quello che vedo e che intendo scattare può essere perfetto,
non trovo difficile esprimere quello che voglio, la macchina fotografica sono io.
Ogni scatto, ogni momento, ha qualche cosa di magico, so che posso trasmettere una riflessione quindi scatto senza cercare la perfezione estetica perché nella fotografia la foto perfetta non esiste, esiste solo la propria foto.
Works:
Fotografo e grafico: Mantra Informatico (cover CD), Elicoide (cover LP)
Fotografo ufficiale: Star for one day (Facebook). Artisti Loto (Facebook)
Fotografo ufficiale: Bowie Dreams, Immigrant Songs, Roynoir, Le Sciance, Miss Pineda.
Shooting: Federico Poggipollini, Roynoir, Heide Holton, Chiara Mogavedo, Gianni Venturi, Double Power big band, Progetto ELLE, Star for one day, Calicò Vintage.
Radio: Conduttore su LookUp radio di un contenitore artistico, con la presenza di artisti.
Fotografo ufficiale: John Wesley Hardyn (Bo), Reelin’and Rocking’ (Bo), Fantateatro (Bo), Nero Factory (Bo), Valsamoggia Jazz club (Bazzano), Friday Night blues (Bo), Voice club (Bo), Stones (Vignola), il Torrione (Fe), L’officina del gusto (Bo), Anzola jazz, Castelfranco Emilia blues, Bubano blues, Mercatino verde del mondo (Bo), L’Altro Spazio (Bo), Ramona D’Agui, Teatro del Pratello (Bo), P.I.P.P.U Domenico Lannutti, Insegui L’Arte (Badolato CZ), Artedate (Mi), Paratissima Expo (To), Teatro Nuovo e club Giovane Italia(Pr), Teatro Comunale e Dehon (Bo), Teatro delle Passioni (Mo).

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi