Recensioni

The Jerry Granelli Trio – Vince Guaraldi e Mose Allison

Fortunato Mannino

Un disco nuovo in tutto e per tutto, nel quale ad ogni brano viene regalata nuova linfa e una nuova prospettiva

La fortuna di dare il proprio contributo a una testata giornalistica è quella di poter gustare in anteprima album di questa caratura. La copertina che anticipa queste righe, immagino abbia già suscitato la curiosità di tutti quelli che amano il Jazz.
Un trio guidato dal leggendario batterista Jerry Granelli, che rivisita la Musica di due leggende come Vince Guaraldi e Mose Allison è, infatti, già di per sé una notizia interessante. Il contributo che Jerry Granelli ha dato al Jazz si dipana lungo un percorso di sei decadi e lo ha visto accanto a tutti i grandi, ma è la prima volta che volge lo sguardo a quel passato che, nel caso di Vince Guaraldi, ne ha caratterizzato gli esordi e, nel caso di Mose Allison, ha contrassegnato ben 40 anni di attività.
A questo aggiungiamo che il trio si completa con Jamie Saft, pianista che seguiamo e proponiamo da tempo e per quale abbiamo esaurito tutti i superlativi, e con il bassista Bradley Christopher Jones, che chi ci segue ha imparato a conoscere in formazione con Saft in Blue Dream e Hidden Corners, ma la cui carriera è decisamente più ampia e lo vede accanto ai grandi jazz tra cui Ornett Coleman e alla guida di diversi gruppi.
L’album ripropone dei classici e non si può non notare e citare la celeberrima Christmas Time Is Here, brano che gli amanti delle avventure di Linus e Charlie Brown conoscono bene, ma non tutti sanno o ricordano che tra i musicisti di quella colonna sonora firmata Vince Guaraldi c’era anche un giovanissimo Jerry Granelli.
E se questo brano chiude l’album, ad aprirlo è la splendida Cast Your Fate To The Wind e mi piace pensare che la scelta non sia assolutamente casuale. Del periodo trascorso con Mose Allison impossibile non citare per la sua attualità Everybody’s Crying Mercy. La versione è interamente strumentale, ma sono sicuro che se non conoscete l’originale e le sue parole, sicuramente vi sarete imbattuti in una delle numerosissime cover.
E tantissime cover ha avuto anche Young Man Blues, basti pensare quella versione incendiaria dei The Who. E se questi sono solo quattro dei dieci celeberrimi brani contenuti in questo lavoro, la vera domanda è che tipo di disco è quello che il trio propone. Certamente non è un disco celebrativo né un disco nostalgico: Jerry Granelli la Storia l’ha scritta e i suoi due compagni di viaggio la stanno scrivendo, dunque proporre un banale disco di cover non avrebbe avuto alcun senso. È, invece, un disco nuovo in tutto e per tutto, nel quale ad ogni brano viene regalata nuova linfa e una nuova prospettiva. Ma è anche un modo per ricordare l’opera di due protagonisti assoluti della Storia della Musica.
L’uscita è prevista per il 26 di giugno per la RareNoiseRecords, etichetta che da anni per il sottoscritto è sinonimo di assoluta certezza.

Tag:
Jerry Granelli https://www.facebook.com/profile.php?id=100005890600187
Pitbellula: https://www.facebook.com/rossanapitbellulasavino
Rarenoiserecords: https://www.facebook.com/rarenoise/

About the author

Fortunato Mannino

Fortunato Mannino

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi