Recensioni

The Bongolian – Harlem Hipshake

Scritto da Mario Di Nicola

Nasser Bouzida, ovvero Il “trambusto dei piedi piatti”

Poi, quasi per coincidenza, ti arriva un file con un brano da ascoltare. Leggo il titolo “Flatfoot Hustel”, inizio l’ascolto, mi accorgo che nelle orecchie il timbro la cadenza, lo stile sono già “registrati” come qualcosa di vissuto, già ballato, goduto.
Nasser Bouzida il suo talento, il suo incedere senza sconti, una musica calda, ricolma di andirivieni di stili e di fraseggi musicali percepiti come un unico paesaggio colorato e ricco di sensibilità artistiche, è di nuovo sulle scene musicali con un nuovo album: Harlem Hipshake, il sesto per esattezza dell’ecclettico personaggio sotto al moniker The Bongolian.
Uscito il 13 novembre 2020, è già da considerare una pregiata perla nell’ambito delle atmosfere Latin Soul newyorkese degli anni sessanta.
Il tutto concentrato in ritmi quasi arcaici, con riferimenti al funky blues e ad una sezione fiati dirompente e presente come ghiaccio in un cocktail alla menta, al sole della black-jazz soul del tempo.
I riferimenti musicali “didattici” di Nasser Bouzida, come da lui descritti sono: Ray Barretto, Mongo Santamaria e Joe Bataan, che coniano il legame della “sensibilità musicale”, fino ai giorni nostri.
Nasser è un ottimo batterista e percussionista, cresciuto ah Harlow (Inghilterra), ha sempre prediletto la musica latina e la trasposizione di opere-rock (nello stile dei Showaddywaddy degli anni 70).
Si affaccia al mondo musicale poco più che ventenne, il sodalizio con Trevor Harding lo porta a calcare le scene musicale più disparate e ha realizzare “lavori” di rivisitazione di fraseggi musicali classici de generi da lui amati, contorniati dalle nuove spinte generazionali. Il tutto fino ad arrivare ai giorni nostri.
La grande sezione dei fiati dell’album Harlem Hipshake che accompagna Nasser, risponde ai seguenti nomi: Terry Edwards (tromba, trombone, sassofono, sax, flauto), Gareth James Bailey (trombone), Craig Crofton (sax contralto), James Morton (sax contralto), Andrew Ross (sax tenore e baritono) e Ralph Lamb (tromba).
Nello stesso album, l’artista suona tutti i diversi strumenti e pone la voce in alcune canzoni. Colorato nel mondo di comporre è stato da sempre corteggiato dai vari DJ, che ritrovano nei suoi dischi la chiave di accesso ad elementi di percussioni contagiose e incontrollabili ritmi di bongo, riversandosi nel sottobosco dei “giri” Dance, Hip-Hop, Rare Groove, e Funk.
Tra gli altri lavori di Nasser Bouzida, ricordiamo The Bongolian pubblicato nel 2002, Blueprint, Moog Maximus, Bongos Beatniks e Outer Bongolia. L’etichetta musicale è la: Blow Up Records (distribuzione Goodfellas), che nell’anniversario del suo 25° anniversario, ha editato il rilancio in vinile trasparente limitata a 180g del classico album ‘Outer Bongolia’ di Bongolian. Geniale trovata commerciale che ha già esaurito tutte le copie a disposizione.
Ricordiamo che Bouzida è anche leader del progetto Big Boss Man, i cui album sono da considerarsi importanti scenari di musicalità e contenitori di esperienze artistiche importanti.
La BBc & Music, il canale radio nazionale inglese, ha sostenuto la band con il suo album Last Man On earth, con una forte campagna pubblicitaria, tanto da far eco alla stessa tournèe in Europa del gruppo.
Insomma il lavoro dell’artista è lodevole di ascolto e di attenzione dalla critica del genere.
Il “trambusto dei piedi piatti” è la traduzione del titolo di uno dei pezzi del nuovo album.
Lo adoro.

About the author

Mario Di Nicola

Sono nato a Roma nel 1970, poi in giovane età, mi sono trasferito in Abruzzo, dove abito tutt’ora. Ho viaggiato nel mondo della letteratura sia come lettore e sia come attore principale, dando alla luce (per adesso e non voglio fermarmi!!!) quattro pubblicazioni con tematiche sia poetiche, che di narrativa :
310307 , raccolta poetica edita da Lettere Animate
L’incauto sfogo dell’altre metà,, brevi racconti, edito Litho Commerciale
Diciannove Applausi, raccolta poetica edita da AliRibelli
Nudi Siamo Anime, brevi racconti, edito AliRibelli
L’amore per la cultura e l’arte in genere mi ha portato a costituire un’associazione culturale di cui sono il presidente e il relativo blog “Néorìa”, dove, insieme a tanti collaboratori, portiamo avanti il progetto di parlare dei “sogni” letterari e non solo quelli.
Anche la musica mi ha visto crescere tra i suoi pascoli, dapprima come cantante e compositore/ paroliere di gruppi hard – rock, poi, nelle stesse vesti, per progetti più marcatamente pop usciti nei mercati musicali e pubblicitari internazionali.
Attualmente continuo la mia opera di divoratore di libri e notizie che riguardano il mondo della comunicazione musicale e letteraria, sempre attento a rimanere connesso con la realtà che mi circonda, che mi lascia sempre più meravigliato e incuriosito dalla sua “diversità”.

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi