Soundcheck

Teo Manzo – Le Piromani

Ennio Salomone
Scritto da Ennio Salomone

Teo Manzo è il cantautore che cerchi quando hai bisogno impellente di sentire gli echi della vecchia scuola italiana, si propiro quel suono lì

Teo Manzo è il genere di cantautore che cerchi quando hai quel bisogno impellente di sentire gli echi della vecchia scuola italiana. Ecco, proprio quel suono lì, quelle parole lì; niente di male, intendiamoci, anzi molto di bene.
La sua voce codifica una saggezza straordinaria per la sua giovane età e il suo disco “Le piromani” non sembra affatto il primo, non sembra il secondo,  potrebbe essere benissimo il terzo o il quarto.
È vero, c’è tanto di De Andrè, Lolli, Guccini e uno goccio di Fossati, diciamo un ammazza-caffè, tanto per digerire meglio.
I testi di Manzo hanno una bipolarità che sembra da una parte scalfire con debole scalpello un mondo di musica, di idee, di concetti, di sogni che ha segnato un modo di concepire l’arte musicale  un mondo difficilmente ripetibile, al quale tante, tantissime persone sono legate e che difendono con razzismo musicale degno del peggiore Texas degli anni 50; dall’altra però brillano di luce propria, disegnano strade, percorsi che incuriosiscono e suggeriscono emozioni e sinestesie che probabilmente pochi riescono a fare, o meglio, riescono a fare ancora nella musica d’autore.
Canzoni brevi così non ne scrive mai e questo è un bene; abbiamo bisogno di storie lunghe, intense, non folgorate dal fuoco fatuo e a volte quasi in eterno “fine primo tempo”  di qualche canzone indie che di tanto in tanto sentiamo uscire dalla finestra del nostro amico scopritore di musica che “fidati, è questa quella che funziona oggi in Italia”.
Tenete d’occhio tale Manzo,  è di qualità.

About the author

Ennio Salomone

Ennio Salomone

Ennio Salomone nasce nell'Africa nordissima o nell' Italia sudissima, insomma a Sciacca (Ag) nel 1987.
Da piccolo aveva tre sogni nel cassetto: vivere nella giungla (ma con un televisore su un albero), fare il cantautore e collezionare le offerte limitate della eminflex su cassette.
Il primo sogno è andato in fumo quando ha scoperto che nella giungla non vendevano i sofficini al formaggio, il terzo è durato qualche anno ma le spese delle cassette erano ingenti e dopo qualche centinaio ha deciso di rinunciare, il secondo è ancora in forse anche se l'eta per fare il disco, essere una rockstar e morire a 27 anni di morte ignota è ormai passata, dunque lo fa con calma e senza affanni.
Intanto ascolta tanta musica, a volte anche molto bella, ha un amore gandhiano per quella emergente e in giro si dice abbia l'orecchino più trendy di tutto il quartiere.

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi