Sound&Vision

Subsonica @ Sherwood Festival

Andrea Marini
Scritto da Andrea Marini

Presso lo Sherwood Festival si è svolta la terza data estiva del tour dei Subsonica che fin dalla partenza ha superato ogni aspettativa.

Son ormai passati più di vent’anni da quella mansarda in piazza Vittorio, dove prendeva vita una musica strumentale sperimentale, con solo una chitarra e una batteria elettrica. Erano Max, Samuel, Boosta, Ninja e Pierfunk sostituito poco dopo da Vicio, che non volevano concretizzare canzoni, ma far prender vita agli stimoli musicali che sentivano nell’aria.
Iniziò la voglia di comporre qualcosa di nuovo che li rappresentasse una musica che fosse libera. Questa voglia non si è spenta dopo più di vent’anni, dopo 8 dischi, altrettanti live ed una pausa di 3 anni si sono rimessi in gioco con il nuovo singolo “8” e con “8 tour“.
Venerdì 5 luglio, presso lo Sherwood Festival, si è svolta la terza data estiva di questo tour che fin dalla partenza ha superato ogni aspettativa.
Il concerto è iniziato alle 22, ad anticipare l’attacco della prima canzone non poteva mancare il ringraziamento di Samuel, per la grande affluenza e per l’atmosfera suggestiva che si prova allo Sherwood Festival, dove non andavano da qualche anno. Sin dalle prime note si inizia a saltare a cantare a squarciagola.
La cosa eccezionale e rara è vedere, che nonostante il tempo, la loro musica innovativa e libera rimane ancora attuale per le nuove generazioni.
Lo spettacolo continua, il palco si infiamma di energia e adrenalina che travolge la folla. Samuel diventa il trascinatore incita tutti a saltare e inizia a dare il ritmo ondeggiando le braccia. Si trasforma in un direttore d’orchestra, che con il suo carisma e la sua energia travolgente dà vita a un concerto di corpi che si muovono al suo comando e rispondono al ritmo della musica. Questa euforia e questo trasporto è andato avanti per più di 2 ore, ovviamente con una pausa centrale.
Non si è mai affievolita la fiamma che anima e alimenta l’energia di Samuel, pure avendo avuto un delicato intervento chirurgico non si è risparmiato. È iniziato per lui un anno di nuove esperienze, dell’essere giudice X-Factor a ripartire con i tour estivi.
E durante lo spettacolo non poteva mancare il discorso di Max, uno tra i fondatori dei Subsonica, che non si è risparmiato, parlando della Libertà come valore da difendere.
I fantastici effetti di luce e fumo animano e colorano lo Sherwood Festival.
A conti fatti, il resoconto della terza data del tour estivo è stato più con successo. Questo è la conferma che i Subsonica siano una tra le più importanti band italiane senza tempo; riescono riempire stadi e arene ancora oggi, dopo vent’anni dalla loro fondazione.
Concludendo con un passo di una loro canzone, che pur non facendo parte della scaletta, mi è rimasto nel cuore ed esprime quello che provo per i Subsonica : “FUORI È UN GIORNO FRAGILE MA TUTTO QUI CADE INCANTEVOLE COME QUANDO RESTI CON ME

Testo e foto di Andrea Marini

About the author

Andrea Marini

Andrea Marini

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi