Recensioni Soundcheck

Saint Huck – Broken Branches

Paolo Pavone
Scritto da Paolo Pavone

Quella di Saint Huck è ispirazione seducente tradotta in note…

Livio Lombardo (voce e chitarra dei Fräulein Alice) presenta il suo progetto solista: Saint Huck, titolo ispirato da una celebre canzone omonima di Nick Cave (dall’album From Her To Eternity), ma senza dichiarati motivi. Le nove tracce compongono un’atmosfera sbiadita, dai toni bluastri e fluidi che sfumano nei viola e nei grigi più nebulosi. La voce si armonizza, i toni e i volumi si modulano incastonandosi tra elettricità e bassi che danno il ritmo di un respiro talvolta greve (Breaking Branches o Reef) talaltra flebile e sottile (Christine) come il pulviscolo lunare che ricopre come velluto ogni brano.
È la fascinazione di un sogno, di una confessione distorta tracciata da slide Guitar, farfisa, mandola, banjo e clarinetto in “sussurri e grida” che introducono l’ascoltatore in una dimensione metafisica che si apre in un immaginario vasto e contrastante.
Un album attraente e ipnotico, seducente, di Memories From A Grotesque Landscape. Si tratta di un progetto “saputo” e vissuto, che sicuramente avrà echi lontani e promettenti.

About the author

Paolo Pavone

Paolo Pavone

Paolo Pavone, nasce in Italia, sparisce nel Regno Unito, ritorna - suo malgrado - per parlare e scrivere di musica.
Ama i libri, la Grecia, Zorba e il rebetiko. Non ama le altezze, le bassezze, l'incoerenza e scrivere biografie :)

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi