Recensioni Sound&Vision

Sainkho Namtchylak – Like a Bird or Spirit, not a Face

Lara Zacchi
Scritto da Lara Zacchi

La voce di Sainkho è magica, riesce a trasformarsi con semplicità da soprano a baritono, muovendosi senza impaccio tra culture e stili diversi.

Dopo l’uscita del suo nuovo lavoro, Sainkho Namtchylak, ha dato il via al suo tour europeo che l’ha vista sul palco del Teatro CRT di Milano (in un’unica data italiana) lo scorso 2 febbraio. SOund36 c’era, non potevamo perdere questo magnifico spettacolo che ci ha emozionati e non poco. Come solo la voce di Sainkho può fare, sottolineata dalla straordinaria bravura dei musicisti che hanno condiviso la scena con lei e che hanno presentato il nuovo album.
Like a Bird or Spirit, not a Face ci parla di un desiderio che si è avverato e di una grande magia. La magia viene da Sainkho Namtchylak e dalla sua voce, una tra le più straordinarie del nostro tempo, che con l’ascolto del  suo nuovo album regala ai suoi ascoltatori un’esperienza musicale unica nel suo genere.  E il desiderio che si è avverato ci parla dell’incontro tanto voluto da  Sainkho  con musicisti nordafricani e precisamente i Tinariwen la band originaria del Tuareg.
L’incontro tra i due popoli ha prodotto delle canzoni ricche di tradizioni nomadi e di un patrimonio culturale vastissimo. La diversità riesce sempre a produrre ricchezza, questo album  ne è la dimostrazione. Sempre in equilibrio tra le diverse esperienze e capacità che gli  artisti si portano dentro, cantato in lingua Tuva, Russa e Inglese spazia tra suoni ripetitivi amplificati dalla voce gutturale di Sainkho, ballate epiche e punk rock della steppa.
La voce leggendaria di Tuva, al confine con la Mongolia, si fa essa stessa strumento.  La voce di Sainkho è magica, riesce a trasformarsi con semplicità da soprano a baritono, muovendosi senza impaccio tra culture e stili diversi.
Se siete alla ricerca di qualcosa di originale e siete aperti alla sperimentazione e improvvisazione libera, questo cd fa per voi.

Annalisa Nicastro
Foto di Lara Zacchi:
 Sainkho Namtchylak @ Teatro CRT, 2 febbraio 2016 – Milano 

Sainkho Namtchylak – voice, laptop
Sanou Ag Ahmed (Terakaft) – chitarra
 Liya Ag Ablil  “Diara” (ex Tinariwen, Terakaft) – percussioni
Danilo Gallo – basso

About the author

Lara Zacchi

Lara Zacchi

Fotografa la musica perché è una delle poche cose che la connette con sé stessa. Pogettista convertita alla comunicazione visiva, precisa sul lavoro quanto indisciplinata nella vita.
Legge, scrive. Il rock lo ascolta ad alti decibel e viaggia per il puro piacere di stare lontana dalla quotidianità e poter cambiare modo di guardare ogni volta.

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi