Recensioni

Saft/Previte /Swallow with Iggy Pop- Loliness Road

Fortunato Mannino

L’improvvisazione ha un ruolo determinante nell’intero disco

Osservare la copertina di un disco per scoprirne i particolari, cercare attraverso di essa di intuire il mood dell’album, da sempre è un gioco che mi affascina. È il messaggio visivo che in qualche modo anticipa e introduce l’ascolto stesso dell’album. Ricordo con nostalgia il tempo in cui si scartabellava con curiosità negli scaffali e, spesso, si comprava un disco solo perché ad una bella copertina non poteva corrispondere un brutto disco.
Il mondo della musica è cambiato, ma quel primo impatto visivo o quel rituale in me non è cambiato molto. Perché, vi chiederete, un discorso sulla copertina, se quattro nomi su un fondo a tinta unita occupano l’intero spazio del disco di oggi? Beh la risposta sta nel gioco interpretativo. A mio modesto parere, la RareNoiseRecords ha voluto dare un messaggio chiaro, semplice, immediato: questi quattro nomi, la cui carriera si snoda su svariate decadi, non hanno bisogno di una copertina ad effetto.
Jamie Saft, pianista e compositore, nella cui musica confluiscono e si rigenerano un po’ tutti i generi musicali. Tra le numerose collaborazioni ricordiamo quelle con John Zorn e Donovan. Bobby Previte, batterista e compositore, la cui genialità abbiamo lodato solo qualche mese fa in occasione dell’uscita di Mass, rivisitazione della messa di Santi Jacobidi di Dufay risalente al secolo XV.
Steve Swallow, contrabbassista e compositore, che nella sua lunga carriera, iniziata nel 1964 nel quartetto di Art Farmer, ha collaborato con artisti del calibro di Carla Bley e John Scofield. Questi i nomi degli artisti in nero, in bianco e al centro della copertina campeggia il nome di Iggy Pop che non necessita di presentazioni.
Sempre in bianco Loliness Road che è il titolo di questo bellissimo album. Il nome di Iggy Pop risalta non solo perché universalmente noto, ma anche perché accanto c’è un with. Sono solo tre, infatti, i brani a cui presta la sua voce roca: Loneliness Road, che richiama alla memoria le lunghe e solitarie strade americane, metafore impietose dello scorrere della vita, la struggente e romantica Everyday e l’introspettiva Don’t Lose Yourself .
Tre pezzi ispirati e naturalmente sgorgati, come dichiara lo stesso Iggy Pop, dalle musiche che gli sono state proposte. L’improvvisazione ha un ruolo determinante nell’intero disco, perché se è vero che la maggior parte delle composizioni è stata scritta e pensata da Jamie Saft appositamente per questo trio, è altrettanto vero che il ruolo di Previte e Swallow nel dare colore e calore alla melodia è determinante. Il linguaggio utilizzato, per chi non l’avesse intuito, è quello del jazz, dove a dominare, ma solo apparentemente, è il pianoforte.

About the author

Fortunato Mannino

Fortunato Mannino

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi