Recensioni

Ritmo Tribale – Mantra

Paolo Pavone
Scritto da Paolo Pavone

Mantra dei Rirmo Tribale: 22 anni e non sentirli

Era la metà degli anni ’90 e la musica italiana indipendente vibrava nel solco di quella anglo-americana: il grunge si insinuava fra il punk vecchio stile e il crossover, e nacquero band come Rats, Mau Mau, Negrita, per citarne alcune.
Con un sound distinto complice di testi importanti, i Ritmo Tribale sono stati tra i maggior protagonisti della scena musicale alternativa di quegli anni ed è proprio con Mantra che raggiunsero l’apice della popolarità.
L’album uscì il 23 febbraio 1994 per la Black Out, era il quarto lavoro del gruppo milanese che alle spalle aveva pubblicato dischi di valore indiscutibile, Bocca chiusa (1988), Kriminale (1989) e Tutti Vs. Tutti (1992). Mantra era indubbiamente un disco più maturo rispetto ai precedenti, meno canonico perché eclettico ma anche liricamente più corposo, che bilanciava il rock più classico con quello più sporco, e scivolava nel blues e nel funky, con accenti gravi come quelli metal e più acuti come quelli grunge. I Ritmo Tribale avrebbero poi pubblicato Psychorsonica, che segnerà la fine della collaborazione fra la formazione e il frontman Stefano “Edda” Rampoldi.
Oggi Mantra, rimasterizzato da Marc Urselli (ingegnere del suono e producer), esce in vinile 180 gr. Gatefold per la Spin On Black, con booklet arricchito da una nuova impaginazione dei testi e con foto dell’epoca riadattate alla nuova veste grafica.
Si tratta di una pietra miliare per le successive generazioni italiane, una fonte di ispirazione per artisti del calibro di Afterhours e Marlene Kuntz, un lavoro che forse non fu del tutto capito, perché già troppo “oltre” rispetto al tempo in cui fu concepito. L’augurio è che possa essere riascoltato e amato di nuovo e forse più, che possa essere apprezzato per quella finezza che eleva i Ritmo Tribale sopra gli altri.

About the author

Paolo Pavone

Paolo Pavone

Paolo Pavone, nasce in Italia, sparisce nel Regno Unito, ritorna - suo malgrado - per parlare e scrivere di musica.
Ama i libri, la Grecia, Zorba e il rebetiko. Non ama le altezze, le bassezze, l'incoerenza e scrivere biografie :)

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi