Recensioni

Rain Dogs – Lies, Alibis and Lullabies

Fortunato Mannino

Lies, Alibis and Lullabies è l’incontro-scontro tra due culture lontanissime: quella del cantautorato classico e quella dell’elettronica anni ’80!

Se il vostro pensiero, guardando il nome del gruppo, sta correndo veloce a Tom Waits… fermatelo! Lies, Alibis and Lullabies è un disco di musica elettronica, dunque, ben lontano dalle atmosfere jazz – blues del capolavoro di Waits. Lies, Alibis and Lullabies è l’incontro-scontro tra due culture lontanissime: quella del cantautorato classico e quella dell’elettronica anni ’80.
L’idea nasce dall’incontro tra Andrea Ferrante, che ha scritto le canzoni utilizzando la sua chitarra, e Luigi Gori, DJ produttore internazionale di musica elettronica.
Le dieci canzoni, come detto, nascono su di una chitarra e sono il frutto delle riflessioni che l’autore fa su se stesso e sulla nostra società. Una società in cui è sempre più difficile mantenere il proprio Io senza essere travolti da una mediocrità spesso programmata (Brand New Enemy). Da una routine quotidiana che, comunque, travolge e soffoca Pycothotic Morning (Wake up); una routine che trasforma la società in automi, incapaci di pensare e agire in modo personale ma che, allo stesso tempo, affratella nella ricerca di ciò che è di moda (Idiot walk in a row); una routine che può, nei casi più estremi, trasformare bravi ragazzi in bestie (Goodfellas never die).
E se questo è il lato sociale del disco ve n’è anche uno più intimo e sentimentale, nel quale domina il tema dell’amore. Testi importanti che se fossero diventati album acustico avrebbero, visti i tempi, relegato l’intero lavoro ad album di nicchia. È a questo punto della storia che subentra l’esperienza di Luigi Gori. I brani, tutti in lingua inglese, vengono adattati, non senza un’iniziale riluttanza da parte di Andrea Ferrante, a ritmi e sonorità che richiamano, inevitabilmente, elettro-pop anni ’80. Il risultato finale è, senza dubbio interessante e di respiro internazionale. Siamo, inoltre, sicuri che i messaggi arriveranno molto più diretti e immediati ma, senza voler sminuire il lavoro fatto, resta in me, amante del rock, la curiosità di sapere cosa sarebbero diventati quei testi se…

Fortunato Mannino

About the author

Fortunato Mannino

Fortunato Mannino

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi