Recensioni Soundcheck

Quai du Noise – Echo Sounder

Fortunato Mannino

Percorso interiore dei Quai du Noise che partono dall’elettronica e spaziano in territori ambient, post rock e techno.

In questo periodo storico, dove a prevalere non sono generi canonici ma l’individualismo, mi sembra di riscontrare in molti artisti un’intima esigenza d’introspezione. Scandagliare le profondità dell’animo umano alla ricerca di sensazioni, suggestioni, immagini sepolte nella memoria è, in fondo, il grande potere della Musica. C’è chi affianca alla Musica le parole, chi si affida agli strumenti e alle loro sonorità, chi come i Quai du Noise partendo dall’elettronica spaziano in territori ambient, post rock e techno.
Echo Sounder è, innanzitutto, il percorso interiore del duo che l’ha concepito e, subito dopo, un invito all’ascoltatore a percorrere il proprio. I titoli degli otto brani e, prima ancora, il titolo e la copertina dell’album, suggeriscono la via che è la fonte d’ispirazione dell’album stesso: il mare. La sua immensità, i suoi paesaggi, la sua violenza e, contemporaneamente, i sogni e le speranze di chi l’ha solcato, di chi nel suo ventre si è abbandonato, di chi ancora di fronte alla sua immensità sa meravigliarsi e abbandonarsi.
Otto storie e un unico filo conduttore per un progetto che, pur lontano da quelle che sono le mie sonorità, mi ha intrigato.

About the author

Fortunato Mannino

Fortunato Mannino

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi