News

Playlist (In the mood for…growing up)

Elisa Fiorucci
Scritto da Elisa Fiorucci

 

 

  1. Daughter – Youth
  2. Placebo – Teenage angst
  3. The Vaccines – Wetsuit
  4. The Jam – In the city
  5. Suede – So young
  6. London Grammar – Wasting my young years
  7. Cloud Nothings – Been through
  8. The Strokes – Barely legal
  9. Blondie – Youth nabbed as sniper
  10. The Replacements – Kids don’t follow
  11. Lykke Li – Youth knows no pain
  12. David Bowie – Because you’re young
  13. Broken Social Scene – Anthems for a seventeen year-old girl
  14. The Drums – I felt stupid
  15. Madonna – Papa don’t preach
  16. Fiona Apple – Criminal
  17. Bruce Springsteen – Growin’ up
  18. Built To Spill – Car
  19. Ryan Adams – To be young (is to be sad, is to be high)
  20. The Adverts – Bored teenagers

 

 

Tra poco più di un mese compirò ventisette anni. Il che vuol dire soprattutto una cosa: non potrò più citare in riferimento a me stessa –o comunque, non senza un velo di malinconia– quel grande classico di Britney Jill Spears, in cui languida cantava: “I’m not a girl, not yet a woman”.
Ho deciso allora di precorrere i tempi, e iniziare a celebrare, oggi, la fine della mia post-adolescenza e l’inizio della mia post-post-adolescenza.  Con, tra gli altri, la mia amata Fiona (che in quel video là era di una figaggine che definirei illegale), gli Strokes prima del tracollo anche estetico, i magnifici Built To Spill, e con un Bowie d’annata (c’è Pete Townshend alla chitarra, come sanno anche le sedie).
Ho provato invece tanta, tanta tenerezza per le nuove leve. I London Grammar si chiedono se non stiano sprecando i loro anni migliori, e con loro The Vaccines e Cloud Nothings.
Ecco Elena Tonra e i suoi Daughter:

“We are the reckless, we are the wild youth

Chasing visions of our futures

One day we’ll reveal the truth

That one will die before he gets there

And if you’re still bleeding, you’re the lucky ones

‘Cause most of our feelings, they are dead and they are gone”

 Triste, ok, ma pure bellissimo. Ragazzi, ho io la soluzione a tutti i vostri problemi: cominciate a uscire con Lykke Li. Perché se c’è una a cui invece non sembra fregare più niente ma proprio niente di niente è lei, che recentemente ha dichiarato di aver vissuto la sua adolescenza sentendosi una quarantacinquenne, e che quindi ora vuole solo suonare e restare alzata a bere whisky tutta la notte. Bene, no?
Un’ultima postilla su Madonna. Nel 1990, con il mondo ai suoi piedi, la nostra si apprestava a fare tappa nel nostro Paese per la prima volta, col suo straordinario Blond Ambition World Tour. Ma qualcosa andò terribilmente storto. L’attuale Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, allora ministro dell’Istruzione,  si schierò con le associazioni pro-famiglia e la CEI, che vedevano negli show della star americana una sacrilega commistione di sacro e profano, e cercarono addirittura di sabotarla (gli era già riuscito qualche anno prima). Quello che forse non sapevano è che Papa don’t preach aveva scatenato altrettante e persino più aspre polemiche. Perché Papa don’t preach, a dispetto del titolo, era apparsa fin da subito come il più grande inno anti-abortista di tutti i tempi, accompagnato inoltre da uno dei video più iconici della storia. Ma d’altronde Google Translate non era ancora stato inventato, e MTV non era ancora arrivata dalle nostre parti.
Io intanto sono stata concepita, sono nata e sono diventata adulta. Ma Louise Veronica Ciccone è ancora qui, se pur ammaccata. Le associazioni per la “famiglia tradizionale” sono ancora qui. E anche Mattarella è ancora qui. Più in forma che mai. Come quasi trent’anni fa.
Buon ascolto.

Elisa Fiorucci

About the author

Elisa Fiorucci

Elisa Fiorucci

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi