Soundcheck

Plastic Man – Don’t Look At the Moon

Fortunato Mannino

I Plastic Man ci regalano un album nuovo che ha il sapore dei Sixities

L’approccio a un disco è sempre qualcosa di emozionante. Mi piace osservare i dettagli della copertina e immaginare le atmosfere dell’album, leggere la storia artistica e del gruppo, capire il contesto storico culturale in cui si muove e solo dopo procedere con l’ascolto. Un percorso mentale che si ripete da quando avevo 15 anni e poca differenza fa il blasone di un gruppo… La Musica non solo è Arte ma anche specchio dei tempi nonché dell’anima.
Il mio incontro con i Plastic Man ha seguito le stesse regole anche se, devo ammetterlo, il loro percorso è stato privilegiato. L’occhio psichedelico della copertina che mi richiamava alla memoria The Psychedelic Sounds Of The 13th Floor Elevators, il nome del gruppo che riecheggiava la struggente e profetica Vegetable Man di Syd Barrett, i caratteri sinuosi e fluttuanti del testo hanno subito fatto breccia in chi con quelle sonorità è cresciuto. Ma… andiamo con ordine!
Cominciamo col dire che i Plastic Man sono fiorenti, sono attivi dal 2012 e hanno alle spalle un EP e un’intensa e gratificante attività live. Don’t Look At the Moon, album che abbiamo avuto il piacere di ascoltare in anteprima e che uscirà a breve per la Black Candy, è il loro disco d’esordio.
Un esordio che alla fine mi convince e che mi lascia ben sperare per il futuro. Questo perché se è vero che in qualche caso il gruppo sembra essere troppo legato all’archetipo psichedelico, è ugualmente innegabile che nei momenti più alti del disco emerge tutta la loro creatività.
Le stagioni non si ripetono, il tempo non si può fermare e sarebbe sciocco guardare sempre indietro. Le suggestioni invece restano vive, si rigenerano abbattendo le tradizionali frontiere. Ed ecco che gli italianissimi Plastic Man, assecondando un naturale istinto musicale, non hanno avuto alcun timore di seguire una strada già battuta e ci hanno regalato, rigenerando modelli tradizionali, un album nuovo che ha il sapore dei Sixities.

About the author

Fortunato Mannino

Fortunato Mannino

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi