Recensioni

Officina F.lli Seravalle – Tajs!

Fortunato Mannino

vi invito a far vostro un album che avrebbe strameritato di essere citato tra i più belli del 2019. Il Tempo è, comunque, galantuomo e restituisce quel che toglie

Forse ho avuto fortuna, forse è stato solo buon senso ma di Facebook, nonostante le mie perplessità al momento di un’iscrizione forzata, posso parlare solo bene. Mi ha dato sia l’opportunità di conoscere persone straordinarie sia di apprezzare di molti Artisti il grande spessore umano. Con alcuni di loro, infatti, si è instaurato se non un vero e proprio rapporto di amicizia un rapporto di grande stima reciproca.
È proprio da una telefonata con l’Amico Gianni Venturi, poeta e musicista che con le sue produzioni è ormai ospite fisso di SOund36, che prende vita questa recensione. Ho visto che tra i tuoi contatti c’è Alessandro Seravalle, ma hai sentito il suo ultimo lavoro? Alla risposta negativa, mi ha semplicemente detto: devi! Dopo un veloce scambio di messaggi Tajs! de Officina F.lli Seravalle era nel mio lettore cd e, fin dal primo ascolto, a quel devi! è seguito un grazie!
Tajs è una parola friulana che, per ovvie ragioni geografiche, disconoscevo e che, come tante altre, è polisemica, ovvero, ha tanti significati. Indica l’azione del tagliare e ai tanti significati che gli autori del disco indicano all’interno della copertina aggiungo anche quello con cui si usa dalle mie parti: parlar male di qualcuno. Precisano però che il significato principale è un bicchiere di vino!
Le atmosfere del disco, le tematiche affrontate nei singoli brani, le tante varianti della parola tajs mi hanno regalato l’immagine notturna di un gruppo di persone sedute intorno ad un tavolo che discutono. Le parole, le riflessioni scorrono libere, gli argomenti cambiano e si alternano senza apparente connessione, perché Dioniso le ha liberate da ogni freno inibitorio. La realtà appare chiara, limpida, spesso drammatica e danza sull’orlo di un bicchiere. Un’immagine, una situazione senza tempo nella quale, sono certo, almeno una volta nella vita tutti ci si è ritrovati. Questa ciclicità che mi sembra d’intravvedere, mi fornisce anche la chiave di lettura dell’immagine di copertina.
Dieci i brani in tutto, ne cito qualcuno per darvi un’idea: Distopia, nel quale si può ascoltare una delle parti più significative del film 1984 di Michael Bradford, un qualunque tipo di commento è superfluo visto che la problematica trattata è dominio di tutti, ma colgo l’occasione per segnalare il libro L’Uomo è Forte di Corrado Alvaro che è stato scritto otto anni prima di quello di Orwell e tratta la medesima tematica; Insonnia è il momento in cui si vivono in modo lucido incubi e paure; Vuoto Politico con la voce del famoso discorso di Bettino Craxi del 1992, nel quale affronta il tema dei finanziamenti pubblici ai partiti, una vergogna a cui doveva seguire una rinascita e a cui è seguita una catastrofe (opinione strettamente personale); la splendida NYC Subway Late at Night ci regala l’immagine notturna della metropolitana di NY, una stazione con le sue mille storie che mai nessuno racconterà e un sassofono che ne sublima le emozioni. Questi sono solo quattro delle dieci storie di un album che sa conciliare l’elettronica e gli strumenti con quelle che sono le atmosfere del brano. C’è poco da dire, l’elettronica sta aprendo frontiere inaspettate e Tajs! ne è l’esempio lampante.
Ribadisco il Grazie! iniziale e vi invito a far vostro un album che avrebbe strameritato di essere citato tra i più belli del 2019. Il Tempo è, comunque, galantuomo e restituisce quel che toglie. Chiudo ricordando che Tajs! è uscito per la Lizard Records.

Tag:
Officina F.lli Seravalle
Alessandro Seravalle
Lizard Records

About the author

Fortunato Mannino

Fortunato Mannino

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi