Recensioni

Luca Vagnini: ecco “L’Invisibile”

Avatar
Scritto da Red

L’avevamo anticipato e, con qualche giorno di ritardo, siamo giunti a raccontarvi di questo disco. Luca Vagnini ci aveva dato un’anticipazione del tutto con il singolo “La Regina dei miei sogni” di cui in rete c’è un video assai carino. Il resto del disco? Eccolo: si intitola “L’invisibile” pubblicato da Artis Records / Cramps. Un cofanetto di 10 preziosi inediti: preziosi perchè si respira sfacciatamente un profumo di vita personale, i suoi punti di vista, quotidianità propria anche se il cantautore marchigiano è assai parco nel regalare dettagli specifici del suo mondo…dunque ci tiene a spasso tra metafore e personaggi per raccontarci il mondo ancora troppo incantato come appare dagli occhi di chi poi ne ha anche il coraggio e la forza di scriverne. Come forse avevo sub-odorato non c’è una grandissima produzione tecnica, il disco non regala un ascolto dinamico e gustoso ma, con sufficiente spirito di adattamento porta a casa il dovere che gli viene richiesto. Registrazioni che soffrono soprattutto nei momenti di maggiore stress sonoro e che in una certa misura mancano anche di corpo e di basse ai margini dello spettro…il tutto quindi è un sound abbastanza chiuso nel sapore, quasi ovattato. Ma registrazioni a parte il pop d’autore di Luca Vagnini è pieno zeppo di sole e di bella stagione, di romantica semplicità e di quel guizzo adolescenziale vestito ancora di bianco. Non a caso l’immaginario raccolto da questo primo video di lancio “La regina dei miei sogni” (forse volutamente) marca con decisione questi aspetti…forse veramente è venuto naturale com’è stato naturale per noi rilevarli fin dal primo ascolto. Il gruppo SONYCA che ha in custodia questo lavoro ce lo aveva segnalato e noi ci accodiamo in accordo: “Il fanciullino” par essere il brano di maggiore maturità e importanza che, a quanto dicono le indiscrezioni, sarà il prossimo lancio in vista delle votazioni delle targhe Tenco a fine estate. Di certo non penso, con il rispetto dovuto, che nel complesso sia un lavoro che possa ambire a scavalcare nomi sacri della scena d’autore italiana che ogni anno ambiscono alla prestigiosa targa ma di certo è un nuovo input che sottolineiamo con piacere e forza e incanto. In ultimo puntiamo il dito ancora una volta alla dimensione del sogno: “L’invisibile” parla di realtà mutuata con la dimensione delle percezioni e delle aspettative, del sogno in generale e di ciò che credevamo possibile. “Invisibile” è anche una title track del disco ed è a tutto tondo l’accattivante digital pop song – decisamente radiofonica – in cui, forse più che in altre parti di tutto questo lavoro, fa capolino un’elettronica protagonista. Per Luca Vagnini la musica è arte nel senso nobile del termine che resta confinata a quel sapore di gioco e di anima, laddove ogni cosa per gli occhi crudi della realtà si definisce “L’invisibile”.

About the author

Avatar

Red

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi