News

Le sorprese del Primavera Sound

Avatar
Scritto da Red

I Pavement sono la prima band confermata per il Primavera Sound 2020 e ci sarà anche la prima edizione del Primavera Sound Los Angeles

Se hai chiuso gli occhi anche solo per un momento, ecco cosa ti sei perso al Primavera Sound 2019. FKA Twigs al settimo cielo, brandendo la sua spada. Charli XCX e Christine and the Queens che inaugurano una collaborazione sul palco. Kevin Parker che naviga le acque psichedeliche a bordo della nave Tame Impala. Janelle Monáe, l’autoproclamata regina del mondo. 070 Shake che ci mostra cosa dovrebbe essere l’hip hop nel 2019, e Nas che ci ricorda come dovrebbe sempre essere. Il pop che attira le folle di Carly Rae Jepsen. Guided by Voices, finalmente. Nina Kraviz che trascende il DJ set. Il rito iniziatico di María José Llergo. Un’invasione di palco al concerto di Japanese con la comparsata a sorpresa di Yung Beef. Le cazzottate abrasive dei Carcass. Ivy Queen che getta una nuova luce sul perreo più radicale. I Sons of Kemet che superano le frontiere del jazz con le loro quattro batterie. Miley Cyrus che debutta i suoi brani nuovi. Justin Vernon, i fratelli Dessner e Julian Baker in un abbraccio collettivo sul palco.
Non chiudere ancora gli occhi. Fare pronostici quando mancano ancora diverse ore alla fine del festival è un affare rischioso, perché succede sempre qualcosa di nuovo al Primavera Sound. I concerti di Rosalía, J Balvin, Solange, James Blake, Stereolab e Jarvis Cocker hanno dato il tocco di chiusura a un’edizione ormai storica per molte ragioni: perché è la prima a ottenere l’uguaglianza di genere sul palco e per aver attirato più di 220.000 spettatori nella settimana del Primavera Sound, col record storico di oltre 63.000 persone nella giornata di sabato. L’edizione 2019, con chiusura la domenica al CCCB in un’altra giornata di concerti gratis con Filthy Friends, Cupido e Christina Rosenvinge, finirà negli annali come quella del The New Normal, in cui il presente è finalmente al femminile, i pregiudizi sono finalmente stati abbattuti e l’eccezionale è diventato normale.
Adesso dobbiamo guardare verso il Primavera Sound 2020, preparandoci per la celebrazione del ventennale del festival, che iniziò nel Poble Espanyol nel 2001. Il Primavera Sound 2020 comprenderà eventi in tutto il mondo e tra di loro ci sarà anche la prima edizione del Primavera Sound Los Angeles, che si terrà nei giorni 19 e 20 settembre 2020 all’interno del Los Angeles State Historic Park dell’iconica città. Fedele alla filosofia dell’evento, il nuovo festival presenterà un cartellone di artisti col marchio di fabbrica del Primavera Sound all’interno di un contesto urbano. Una piccola quantità di biglietti sarà in vendita a un prezzo speciale, prima dell’annuncio della lineup e solo per qualche ora, questo venerdì 7 giugno alle 18.

In più ci sono già le date per Barcellona e Oporto: il Primavera Sound 2020 si terrà dal 4 al 6 giugno a Barcellona e dall’11 al 13 giugno a Porto. E sono in arrivo anche delle altre sorprese…
L’inizio dei festeggiamenti per l’anniversario si terrà prima, molto prima. Quasi un anno prima, l‘8 e il 9 novembre 2019 infatti, il Primavera Weekender segnerà l’inizio non ufficiale dei festeggiamenti con una celebrazione collettiva al resort Magic Robin Hood di Benidorm, dove i fan del festival condivideranno gli spazi con artisti come Belle & Sebastian, Primal Scream, Mura Masa, Idles, Sleaford Mods, Cigarettes After Sex, Whitney, Weyes Blood, John Talabot e Carolina Durante, tra i tanti. L’evento, i cui biglietti andranno in vendita il 17 giugno al costo di 180€ (comprensivi anche di vitto e alloggio), è stato annunciato lo scorso mercoledì con un altro enorme striscione all’ingresso del festival.

PRIMAVERA PRO
La nuova normalità adottata come slogan dal Primavera Sound ha permeato anche il dibattito al Primavera Pro. L’incontro internazionale del settore musicale ha festeggiato la sua decima edizione dal 29 al 31 maggio al CCCB, con oltre 3000 professionisti del mondo della musica, organizzando una programmazione di showcase, attività e conferenze di tutti i tipi, portando sul palco una forte maggioranza di interlocutrici e artiste donne, a partire da Neneh Cherry, la cui carriera sempre in evoluzione è stata premiata col Primavera Award 2019. Questo forum di idee e opportunità ha messo alla prova anche le convenzioni e i limiti dei congressi musicali grazie all’avvio di Insumisas, una recente aggiunta alla programmazione del festival che ha esplorato la dimensione politica del femminismo nel campo della cultura.

I Pavement si riuniranno per due concerti esclusivi al Primavera Sound 2020 di Barcellona e Porto
I primi biglietti per il Primavera Sound 2020 a Barcellona saranno in vendita da lunedì 17 giugno
Questi concerti, i primi dal 2010, saranno i loro unici, esclusivi concerti a livello globale per il 2020. Vengono al Primavera Sound apposta per aiutarci a festeggiare il nostro ventesimo anniversario! Tutto torna. I Pavement, sempre i Pavement.

www.primaverasound.com

About the author

Avatar

Red

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi