Arti e Spettacolo Pop Corn

La crudeltà come ritrovamento sacrale: Artaud torna a parlarci

Katia Colica
Scritto da Katia Colica

In un momento storico in cui le nostre giornate appaiono drammatiche, l’antologia tratta dai testi di Antonin Artaud si profila strumento salvifico, ossimoro provocatorio. Come mostrare una suggestione reale in un mondo alterato, in cui l’ambiguo fonde in maniera pericolosamente indissolubile le sovrastrutture con il gesto? Artaud ci aveva tratteggiato la scena come elemento percettivo, contaminato dei sensi. Abbiamo patito con lui l’insofferenza di un teatro “verista”, di “Stato”, proposto a forza di morale liturgica borghese. Adesso è il momento, con il volume Il Teatro e la Crudeltà pubblicato da edizioni e/o nella collana diretta da Goffredo Fofi Piccola Biblioteca Morale, di lasciare ancora spazio alle rappresentazioni integrali fatte di movimento, parole, luce, verità.
Non è più tempo per la scena che alloggia la mimesi, ma di recupero ancestrale, di restauro; soprattutto per quei rituali che riescono a spolverare l’esistenza umana, ordinarla autentica e feroce così da comprendere il presente. Un testo propizio al momento che viviamo: gli eventi tragici lo ripuliscono, loro malgrado, da quei modelli da intrattenimento frivoli, che ripetono sul palcoscenico le caricature della realtà. Il libro non vuole essere un’ordinaria commemorazione dell’artista, ma intende recuperare quel percorso di lucidità poetica mai interrotto; solo un po’ sopito.
Lo illustra bene Rodolfo Sacchettini nella sua prefazione in cui si ripercorre il tratto storico, ma anche percettivo dell’idea contemporanea sull’artista scomparso poco più di settant’anni fa «Artaud è nascosto nelle premesse e riappare poi inaspettato in quegli spettacoli che ambiscono al grande affresco, ma perseguendo strutture narrative e linguistiche moderne». Idea rafforzata nell’introduzione di Alex Giuzio che chiarisce quanto «All’eterna domanda “di quale teatro abbiamo bisogno oggi?”, Artaud non risponde dandoci un metodo, bensì indicandoci una essenziale direzione di catarsi da seguire».
Artaud, quindi, oggi può essere la direzione da prendere e la prima parte del testo (Manifesti, teorie) ci indirizza evidenziando la sua esigenza di un teatro puro e di un pubblico con cui legare un patto solenne: «Lo spettatore andrà a teatro come va dal chirurgo o dal dentista, con lo stesso stato d’animo, pensando cioè che non morirà per questo, ma che sta per fare una cosa grave e dalla quale non uscirà integro». Il Teatro della Crudeltà non è sangue, violenza, ma necessità, liberazione; e lo strappo dai Surrealisti ne è la sua testimonianza energica.
Sarà cura della seconda parte del testo (Lettere, interventi) mettere a fuoco l’elaborazione del pensiero di Artaud più affilato e tagliente: le critiche ai teatri francesi e alle amministrazioni vicine richiamano le intensità Rimbaudiane e le lettere che scrisse a Jean-Louis Barrault dal manicomio del dr. Ferdière – sperimentatore dell’arte terapia ma anche fautore dell’elettroshock – sono realizzazioni letterarie allucinate e mistiche che non lasciano scampo alla mediocrità del teatro che tanto combatteva. L’ultima sezione, un’Appendice composta da suggestive testimonianze tratte dal dossier Teatro della Crudeltà, ha il potere di far riemergere urla, deliri e poetica come in una mescolanza di sensazioni: «Una poesia di Artaud è innanzitutto uno choc, un trauma inferto ai punti del corpo più atti a subire un immediato sconvolgimento» (Arthur Adamov da Sipario n. 230, giugno 1965).
Un testo necessario e intenso, nel quale affiora un potente quanto attuale «Artaud, certamente insoddisfatto delle gioie artificiali fornite dal teatro» (Jean-Louis Barrault da Antonin Artaud et le théâtre de notre temps, Cahiers de la Compagnie Renaud-Barrault, 1958).

Antonin Artaud
Il teatro e la crudeltà
novembre 2019, pp. 160
ISBN: 9788833571645
Area geografica: Letteratura francese
Collana: Piccola Biblioteca Morale

About the author

Katia Colica

Katia Colica

Katia Colica è scrittrice, giornalista e sceneggiatrice. Ha pubblicato il testo teatrale Un altro metro ancora - Monologo sul bordo della vita, a cura di Città del Sole Edizioni, messo in scena da SpazioTeatro.
Per Ottolibri ha pubblicato il romanzo Lo spazio adesso. Nel 2013 per IRE ha pubblicato la silloge Parole rubate ai sassi. Per Città del Sole Edizioni ha pubblicato Ancora una scusa per restare – Storie di ordinaria invisibilità in una notte metropolitana, un reportage-fiction e Il tacco di Dio, romanzo/reportage adottato come libro di testo dall’Università Mediterranea.
Ha contribuito all’antologia poetica Saper leggere il libro del mondo – Volume II, pubblicata a cura della Fondazione De Andrè. Nel 2007 ha pubblicato Col mare dentro, per un’antologia di Oscar Mondadori. Ha una rubrica fissa, “Briciole per i passeri” in Sdiario di Barbara Garlaschelli. Dal 2002 conduce delle ricerche sulle dinamiche urbane per il centro studi Club Ausonia.
È socia fondatrice di Adexo e gestisce i rapporti con i media per numerosi eventi e manifestazioni nazionali e internazionali. È, inoltre, web content manager, digital pr, correttrice bozze, editor e ghost writer per aziende, associazioni e case editrici che si avvalgono di consulenze esterne.
È docente dei corsi di scrittura “Fiction”, “Redattore per casa editrice” e di alcuni moduli dedicati alla comunicazione, alla scrittura digitale e alla revisione testi.

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi