Sound&Vision

La Ballata di John e Yoko @ Villa Arconati, Castellazzo di Bollate, Milano

Gigi Fratus
Scritto da Gigi Fratus

03.09.2020.

E’ la splendida cornice di Villa Arconati ad accogliere la rappresentazione de La Ballata di John e Yoko, uno spettacolo originale scritto da Ezio Guiatamacchi che, attraverso molteplici aneddoti racconta una delle love story piu’ intense del Novecento.
Le suggestioni che lo spettacolo ci regala vanno dalle canzoni agli umori dei due protagonisti, mirabilmente portate in scena da quattro artisti a tutto tondo. Si parte dall’evento piu’ tragico della loro storia, l’omicidio di Lennon e da lì si ripercorre a ritroso il tempo trascorso dallo scioglimento dei Beatles in avanti. Si racconta di come, l’unico dei Fab Four a mostrarsi amico della coppia fu Ringo Star che non vide in Yoko Ono la causa dello scioglimento della band, o di come a quarant’anni compiuti da poco John visse una rinascita artistica entusiasmante. Si dice di come il privato, specialmente con l’arrivo della progenie, si intrecciasse con il lato pubblico. Ciò premesso lo show ha una forza travolgente che incatena il pubblico alle seggiole e lo inonda di tali ed intense emozioni che non si fatica a veder scendere una lacrima qua e là.
Penalizzato da un orario inusuale per spettacoli di questo genere (inizio fissato alle 19,00), l’affluenza del pubblico non è quella che gli artisti sul palco meriterebbero.
Detto questo, il pubblico si diverte quanto i protagonisti; Brunella ha una voce potente che modula con maestria sulle note, ad esempio, di I wanna hold you hand, Andrea Mirò mostra tutto il suo reportorio di impareggiabile polistrumentista, come del resto fa anche Ezio.
Omar si mette a disposizione con grande allegria e sensibilità, ed esplode una rabbiosissima versione di Mother carica di quella dolcezza che solo un figlio può riversare nel cuore della propria madre.
Che altro aggiungere se non che la mia speranza è quella di poter assistere nuovamente a questo spettacolo in un ambiente ed orario piu’ consoni alla completa riuscita dello stesso, senza nulla togliere a quanto assistito in questo primo mercoledÏ di Settembre.

Articolo e fotografie di Gigi Fratus

 

Villa Arconati
Ezio Guaitamacchi
Andrea Mirò
Brunella Boschetti Venturi
Omar Pedrini

About the author

Gigi Fratus

Gigi Fratus

Nato a Seriate (Bg) nel 1969, due grandi Amori, mio figlio Mattia e la mia Morgana, un’Aprilia RSV del 2003.

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi