Recensioni

KARBONICA: l’esordio è “Quei colori”

Avatar
Scritto da Red

L’esordio dei KARBONICA si intitola “Quei colori”

Primo arrivo, prima tappa, primo traguardo tagliato a mani ben tese verso il prossimo che è già domani. L’energia questa volta è tutta siciliana e vien fuori da una rock band che su territorio locale ha sfatato il mito del “facciamo suonare solo cover”. Sono i KARBONICA già in classifica Indie Music Like nel 2014 con il singolo “Quel bisogno” e scelti dai Litfiba proprio quest’anno per registrare la compilation per il trentennale di “17 RE”. L’esordio dei Karbonica è oggi, si intitola “Quei colori” lanciato in rete dal video ufficiale del secondo estratto “L’inganno” e conta 10 inediti di una stesura omogenea e coerente per tutto l’ascolto. Bel rock italiano, senza se e senza ma, suoni forse appena poco “ciccioni” come piacciono a me, poche basse a spingere ma forse è solo un vizio di forma del mio orecchio. Una voce tagliente, sicura, vibrante che per troppa parte mi ricorda NEK e non ci posso fare niente: ormai è andata così, dovevo dirlo. L’amore sicuramente ma anche una società che non ha pochi vizi di forma, tutt’altro…lieve intravedo uno sguardo al resto del mondo piuttosto che al nostro mero quotidiano…questi sono i temi del disco, tra le righe ci sono sicuramente messaggi personali che non possiamo archiviare con due righe di recensione. Manca sicuramente l’effetto sorpresa (non che debba esserci, non sono regole…ma lo stavo aspettando), manca quel divincolarsi e quel giocare con soluzioni alternative al solito drumming chitarra e basso. Un disco dalle potenzialità decisamente interessanti che però si ficca con poca personalità in un calderone di tantissime proposte simili che prolificano nel POP e nelle sue mille sfaccettature. Questo è uno dei nei della nuova scena musicale in cui quasi sicuramente perdiamo di vista artisti e dischi come questo dei Karbonica che probabilmente meriterebbe attenzioni diverse. Citandoli direttamente: “…dietro quei colori i dolori esplodono…” e dietro le luci di scena c’è tanta energia che pulsa. La crescita è appena iniziata ma direi che il buongiorno si vede dal mattino…calderone di troppi a parte. Play Loud.

About the author

Avatar

Red

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi