Recensioni

Jester At Work – A Beat Of A Sad Heart

Fortunato Mannino

è una piccola e affascinante gemma intimista

Quello che mi affascina, e un po’ invidio, degli artisti è quella loro naturale capacità di catturare, come in una sorta d’istantanea, il momento con le sue emozioni, le sue sensazioni, per poi trasformarlo in Arte. L’opera poi, in modo altrettanto naturale, nel donarsi all’altro perde la sua peculiare individualità per diventare altro in tutti noi.
A Beat Of A Sad Heart, EP uscito a fine maggio per la M.I.L.K. e a firma di Jester At Work, in fondo è proprio questo: la trasposizione in musica di un momento particolarmente duro della vita dell’artista. Il risultato finale è una piccola e affascinante gemma intimista.
Venti minuti che si caratterizzano per le atmosfere intime e crepuscolari nelle quali dolore e ricordi si sublimano in canzoni. Behind the Wall è il brano più cupo, il più classico, probabilmente il più intenso dell’intero EP. La chitarra acustica asseconda la voce, evocativa e profonda, nel malinconico racconto del tempo passato, di ciò che è andato per sempre, e di ataviche paure che pregnano, come fantasmi, il presente.
Me and Gracie, secondo brano, nasce nelle penombre di una notte disperata. Un registratore, una bottiglia di vino come compagna e Gracie, la cagnolina che si ode in sottofondo, ad accompagnare con i suoi guaiti un dolore che sembra universale. Non solo solitudine e disperazione, ma anche riflessioni sul presente, amore e ricordi caratterizzano questo elegante EP che sa conciliare country blues e folk.
E che si tratti di un album molto sentito lo dimostra anche la cura che Antonio Vitale, artista attorno a cui ruota il progetto Jester At Work, mette nel concepire l’art work del disco. Ogni elemento raffigurato in chiave fumettistica è carico di simbolismo e rimanda direttamente alle tematiche dell’album. Gli elementi del paesaggio che caratterizzano il fronte e il retro della copertina sono il bosco, il faro, il promontorio e il mare. La differenza è nell’ambientazione: il fronte, rappresentato con la luce del giorno, è carico di vita con in primo piano l’autore che, seduto su un cuore, racconta la vita che gli sta attorno e lo fa quasi sobbalzare. Il retro si caratterizza per il misterioso e affascinante silenzio della notte.
Non mi dilungo su quelle che potrebbero essere banali analisi psicologiche sul simbolismo, ma mi limito a caldeggiare l’ascolto di questo splendido frammento di vita vissuta.

About the author

Fortunato Mannino

Fortunato Mannino

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi