Recensioni

Immanu El – They’ll Come, They Come

Fortunato Mannino

fitte nuvole, viste dall’alto, di un cielo che si illumina al nuovo giorno, rispecchia, inequivocabilmente, i cardini su cui ruoterà l’intero LP. Il loro merito maggiore è saper costruire intorno a emozioni e sentimenti, paesaggi sonori affascinanti e coinvolgenti.

Li avevamo presentati in occasione della pubblicazione del loro ultimo album In Passage (http://www.sound36.com/immanu-el-in-passage/) e torniamo a parlarne oggi in occasione della pubblicazione di They’ll Come, They Come esordio discografico degli Immanu El.
Non ho usato il termine ristampa perché non si tratta della ristampa dell’album del 2007. Il gruppo ha, infatti, registrato e arrangiato i brani in modo diverso e se è indubbio che la sensibilità musicale è diversa è altrettanto vero che le peculiarità dell’album sono, comunque, rimaste invariate.
Diciamo subito, a rischio di sembrare di parte, che l’album meritava una stampa così elegante e i cambiamenti apportati in sede di registrazione hanno smussato o comunque migliorato nel suo complesso l’intero album. E, a mio modesto parere, la scelta più giusta è stata proprio quella di non aver voluto stravolgere quello che è e resta un ottimo esordio discografico.
È per questa ragione che ci approcceremo all’album considerandolo nella doppia veste di esordio e rivisitazione.
They’ll Come, They Come, nonostante la giovane età dei componenti del gruppo, è un album maturo, equilibrato in cui il pensiero musicale che caratterizzerà lo stile degli Immanu El è già più che evidente. Non possiamo non evidenziare, innanzitutto, come lo strettissimo legame tra la foto di copertina e le atmosfere musicali sia un elemento che ha caratterizzato fin dall’inizio tutti i lavori dalla band svedese. L’aver messo in copertina fitte nuvole, viste dall’alto, di un cielo che si illumina al nuovo giorno, rispecchia, inequivocabilmente, i cardini su cui ruoterà l’intero LP.
I testi, sempre piuttosto brevi e dai significati sfumati, inducono a una serena introspezione. I paesaggi musicali, infatti, sono eterei, trascendenti e aprono a orizzonti senza confini. Tutto viene visto dall’alto! E se vi sembra esagerato quanto dico… non vi resta che mettere sul piatto il disco e ascoltare il primo brano del primo disco Under Your Wings I’ll Hide.
Il grande merito degli Immanu El è proprio quello di saper costruire intorno a emozioni e sentimenti, paesaggi sonori affascinanti e coinvolgenti.
La rivisitazione dell’album è stata curata, come sempre, nei minimi particolari dalla Kapitän Platte (http://kapitaen-platte.de/) ed è proposta nell’oramai consueta doppia versione: primi 100 LP in vinile bianco (sold out dopo pochi giorni) i restanti in vinile nero. La tiratura è limitata a 500 copie e ogni copia è numerata a mano, all’interno vi è il codice per poter scaricare l’album in formato digitale. Qualche variante rispetto all’originale in CD del 2007 è visibile anche sulla copertina: i caratteri e la disposizione delle scritte sono diversi, il disegno bianco è stato eliminato.

Fortunato Mannino

About the author

Fortunato Mannino

Fortunato Mannino

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi