Recensioni Soundcheck

Hide Vincent – Hide Vincent

Ascoltare per credere

Che la musica pop italiana ed europea in genere sia in larga parte influenzata dalle più varie derivazioni della musica americana ed inglese (tradizionali e/o di più o meno recente introduzione) è un dato di fatto non contestabile. La circostanza risulta dimostrata inequivocabilmente e una volta di più dall’uscita dell’album omonimo di Hide Vincent, pseudonimo dietro cui si nasconde il vero nome del giovanissimo compositore Mario Perna, attivo da non molti anni ma già con una dote di ascolti internet non indifferente che può essere attribuita al gradimento avuto dal suo disco promozionale Imperfection.
Hide Vincent è, nei fatti, il primo vero lavoro discografico del cantautore campano. Atmosfere folkie, intime, musicalmente scarne, basate principalmente sulle sonorità di una chitarra acustica e qua e la arricchite, oltre che dagli strumenti della sezione ritmica suonati da Francesco Tedesco (basso) e Riccardo Iannaccone (batteria), dal violoncello di Sharon Viola. Praticamente un disco acustico che si inserisce all’interno di un percorso stilistico che da un lato guarda ancora alla tradizione mentre cerca di introdurre dall’altro elementi di innovazione che incidano sulla originalità della proposta di ogni singolo autore.
Tale percorso, peraltro, è stato negli ultimi anni intrapreso da un cospicuo numero di gruppi o di autori (non solo anglosassoni ma anche italiani) che non sempre riescono a guadagnare la ribalta. Chiaro indizio, questo, di quanto difficile sia, all’interno della miriade di uscite discografiche disponibili, trovare qualcosa di veramente originale che meriti un ascolto approfondito. Il CD di Hide Vincent, pur non essendo particolarmente originale, appare meritevole di ascolto.
Ci hanno convinto definitivamente in questo senso alcune delle buone canzoni che vi sono contenute, canzoni cariche di fascino come Delicate, A time before the end, Yellow lights and blue seas. Ascoltare per credere.

About the author

Giovanni Graziano Manca

Giovanni Graziano Manca

Pubblicista, poeta, ha collaborato e collabora alla redazione di numerose riviste cartacee e web scrivendo di musica, poesia, letteratura, cinema ed altro. Ha pubblicato alcuni volumi di poesia (In direzione di mete possibili, Lieto Colle, 2014; Voli in Occidente, Eretica, 2016) e uno di racconti brevi (Microcosmos, Sole, 2013). Vive a Cagliari, meravigliosa città del Mediterraneo.

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi