News

FIM, 2019 – Christian Meyer

Avatar
Scritto da Red

L’empatia di Christian Meyer
tra gli studenti del FIM di Milano
il 16 Maggio 2018 alle ore 9.30
Auditorium Testori – Milano.

Non è la prima volta che Christian Meyer (EELST) si dà in pasto ai giovani studenti di musica affamati di sapere. Le incursioni di uno dei più preparati e versatili batteristi italiani all’interno delle aule scolastiche avevano previsto anche una sua breve ma intensa apparizione al FIM dello scorso anno. In quell’occasione, Christian Meyer aveva raccontato a una cinquantina di ragazzi delle scuole medie qualcosa sulle radici della musica, la stessa di cui i ragazzi oggi si nutrono spesso inconsapevolmente. E lo aveva fatto suonando e facendo suonare gli stessi ragazzi. Il successo ottenuto nel 2018 tra i ragazzi e gli insegnanti che hanno avuto il piacere di assistere alla sua entusiasmante “lezione”, ha convinto gli organizzatori del FIM a chiamare nuovamente Christian Meyer, il quale ha risposto con entusiasmo e, grazie al contributo di Born4Music, ha potuto mettersi nuovamente a disposizione degli studenti delle scuole iscritte ai laboratori del FIM – Salone della Formazione e dell’Innovazione Musicale, che si terrà in Piazza Delle Città di Lombardia a Milano nei giorni 16 e 17 maggio 2019. Il suo è un programma a metà strada tra il gioco e la lezione di musica, dove si impara ad ascoltare la musica e a distinguere i suoi generi, si conoscono i vari strumenti musicali, si suona e si balla; dove i bambini/ragazzi diventano parte “attiva” della lezione interagendo con Christian. Il tutto coadiuvato dal contributo di video e immagini gestite da Silvia Bolbo, per realizzare il viaggio dall’Africa al Rap nel modo più coinvolgente possibile. È lo stesso Meyer a spiegare gli obiettivi del corso di cui fa parte la sua lezione: “La musica, si sa, sviluppa creatività ed intelligenza soprattutto nei bambini in età scolare. Fin da piccoli i bambini generalmente dotati di capacità musicale sono attratti dal mondo dei suoni che cercano di riprodurre anche con oggetti di uso quotidiano, mentre quando crescono chiedono di suonare uno strumento. Ma non sempre la predisposizione è innata e l’intelligenza musicale, al pari di quella linguistica, logica o corporea, va stimolata nel modo giusto ed appropriato. La musica migliora il carattere delle persone e soprattutto dei bambini che imparano a dominare le emozioni. Per stimolare l’intelligenza musicale è importante intraprendere un percorso propedeutico che in questo programma si articola in vari modi, a metà strada tra il gioco e la lezione di musica. Ci si addentra soprattutto nel mondo della batteria, quindi del ritmo e della coordinazione. Allo stesso modo si impara ad ascoltare la musica e a distinguere i suoi generi, si conoscono i vari strumenti musicali, si disegna, si balla”. I bambini, insomma, diventano parte “attiva” della lezione interagendo con Christian Meyer, artista di grande levatura che, da bravo “papà”, è particolarmente sensibile all’universo dei più piccoli alla scoperta del mondo musicale.

2.600 ragazzi provenienti da scuole medie e superiori italiane parteciperanno a una ventina di altri laboratori offerti dai prestigiosi partner istituzionali e privati del FIM, il cui programma completo è ancora in via di definizione.

About the author

Avatar

Red

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi