Recensioni

Felice Clemente – Solo, recorded live at Montecalvo Versiggia Church

Con i suoni  avvolgenti, caldi, vellutati dei sax tenore e soprano e quelli più acuti e grintosi del clarinetto, Felice Clemente e il suo ultimo disco ci convincono

Tredici brani per complessivi 55 minuti di suoni e impressioni musicali sono il contenuto di questo interessante Cd di Felice Clemente, milanese classe 1974, clarinettista diplomato al Conservatorio del capoluogo lombardo e sassofonista JAZZ di rango (ha studiato con i sassofonisti Paolo Tomelleri, Pietro Tonolo e Tino Tracanna).
Il disco è prodotto dallo stesso Clemente per Crocevia di Suoni Records e costituisce l’ultima (la quindicesima) di una nutrita serie di incisioni realizzate in precedenza dal nostro con proprie formazioni o da coprotagonista.
Musica tout court senza ulteriori specificazioni o etichette, quella di “Solo”, lavoro in cui Clemente sperimenta un nuovo modo di porgere la propria arte prescindendo anche dal proprio impegno compositivo (che pure, qui, si concretizza in tre brani, Ba’-Ba’, Free improvisation e Moods).
Il repertorio affrontato da Clemente in questa specifica occasione spazia e comprende brani di Hagen, Marsalis, Godard, Morricone, Nuzzolese, Di Gregorio, Forte e Bach.
Se estrema eterogeneità è possibile rilevare sul piano della  “provenienza” dei vari brani, unico e omogeneizzante ci è parso l’impatto emozionale adottato da Clemente nei confronti del materiale sonoro rielaborato e generosamente filtrato attraverso la propria sensibilità e la propria notevole capacità di suggestionare l’ascoltatore.
Ci è sembrato questo il senso delle parole con le quali Paolo Fresu presenta l’album :
“Ma è attraverso l’ascolto profondo e minuzioso che si percepisce un annullamento dell’architettura compositiva. L’impressione è che ogni melodia assuma, nel sottile equilibrio tra dentro e fuori, una dimensione universale che va oltre l’esecutore e il compositore, per muoversi in un luogo di nessuno, (il riferimento è alla settecentesca chiesa di Montecalvo Versiggia dove il CD è stato registrato, n.d.r) che ognuno ritrova nel rito dell’ascolto.”
Con i suoni  avvolgenti, caldi, vellutati dei sax tenore e soprano e quelli più acuti e grintosi del clarinetto, Felice Clemente e il suo ultimo disco ci convincono.

About the author

Giovanni Graziano Manca

Giovanni Graziano Manca

Pubblicista, poeta, ha collaborato e collabora alla redazione di numerose riviste cartacee e web scrivendo di musica, poesia, letteratura, cinema ed altro. Ha pubblicato alcuni volumi di poesia (In direzione di mete possibili, Lieto Colle, 2014; Voli in Occidente, Eretica, 2016) e uno di racconti brevi (Microcosmos, Sole, 2013). Vive a Cagliari, meravigliosa città del Mediterraneo.

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi