Sound&Vision

Colapesce @ Magazzini Generali

Scritto da Gigi Fratus

Finisce il tour italiano e dal giorno seguente partirà quello europeo. La messa non è finita, non ancora.

Finisce esattamente da dove è cominciato il girovagare su e giù per l’Italia di Lorenzo Urciullo, noto ai più con lo pseudonimo di Colapesce, a chiudere un cerchio iniziato a tracciarsi lo scorso 11 Gennaio e conclusosi il primo venerdì di Ottobre nella stessa location ovvero i Magazzini Generali di Milano. La band che accompagna l’artista si pregia di ottimi musicisti sui quali spicca Adele Nigro, talentuosa polistrumentista alla quale viene affidata anche l’apertura della serata. Sul palco si alternano vari ospiti ad impreziosire la performance del cantautore siciliano. Su tutti un maestoso Roy Paci con la sua meravigliosa tromba. Terminato l’opening act le luci si spengono per pochi istanti, il tempo di far apparire Mario Conte (tastiere e programming) che con un intro chiama sul palco il resto della “Infedele Orchestra”. La batteria di Bonito Bellissimo ed il basso di Andrea Gobbi cominciano a martellare, il sax (baritono) egregiamente interpretato da Gaetano Santoro spande le prime note, calde e ispirate. Si riaffaccia quindi Adele Nigro (chitarre e sax tenore) e poi… il sacerdote siciliano si palesa, chitarra in mano, ai suoi non Infedeli seguaci. Magazzini Generali pieno filo all’orlo di fans acclamanti il loro piccolo messia. Si attacca subito con una canzone come Pantalica “Il Fiume Taglia La Pietra Quando Cristo Non C’era”a rimarcare il legame con la sua terra dove Lorenzo vorrebbe trasportarci, un paio di altri pezzi ed appare il primo degli ospiti nella persona di Francesco di Bella, sorriso a 32 denti e garndi abbracci tra i due artisti che poi duettano interpretando con grande e Totale trasporto il brano omonimo. Qualche brano sparso tratto da Infedele e quindi si attacca con Maometto a Milano. Il pubblico la canta, Lorenzo la interpreta e poi… poi sul palco arriva l’ospite numero due, poco prima del finale di canzone una figura esce dalle quinte, le luci lo avvolgono e qualcosa in mano brilla… è la tromba di Roy Paci che va ad impreziosire le ultime note del brano in questione con un assolo da brivido! E la messa, seppure laica, continua e continua e continua… a metà show una figura femminile sotto un cappello a tesa larga sale a calcare le assi di questo palco baciato dalla fede ( rigorosamente minuscolo quanto maiuscola è la nuova presenza ). Direttamente dai Baustelle arriva Rachele Bastreghi e con lei si intonano prima Segnali di vita del Maestro Franco Battiato e tra un abbraccio e l’altro Satellite. Roy paci entra ed esce con la sua tromba a regalare piccoli cameo qua e là quando al fianco di Colapesce appare anche l’ultimo ospite di serata, quell’ Andrea Appino che tanto ispirato è con i suoi The Zen Circus. E non lo è di meno pure questa sera dove interpretando La canzone dell’amore perduto e Il fuoco in una stanza insieme a Colapesce ci regala momenti da ricordare nel tempo a venire. E la serata prosegue calda, intensa, vissuta fino in fondo. Maledetti Italiani scalda gli animi e le passioni… Finisce il set ma Lorenzo guarda il suo pubblico, si vede l’ispirazione che ne trae e quindi abbozza, quasi sussurrando, quasi chiedendo scusa per quanto sta per dire: “ Ve ne faccio un’altra?” mandando in visibilio la platea. Sul palco lui e la chitarra sua, gli amici, musicisti e ospiti, in un abbraccio collettivo che sa di comunione pagana. É Colapesce, e non è infedele come canta. Anzi. Finisce il tour italiano e dal giorno seguente partirà quello europeo. La messa non è finita, non ancora.

Colapesce @ Magazzini Generali, 5.10.2018
ph Gigi Fratus

About the author

Gigi Fratus

Nato a Seriate (Bg) nel 1969, due grandi Amori, mio figlio Mattia e la mia Morgana, un’Aprilia RSV del 2003.

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi