Recensioni

Arti & Mestieri – Universi Paralleli

Fortunato Mannino

il 25 settembre segna un appuntamento da non perdere. Esce, infatti, dopo un silenzio durato 15 anni, il nuovo album degli Arti & Mestieri

Scrivere in merito a qualcosa di artistico non è mai semplice. Il gusto e la sensibilità personale si sovrappongono spesso con il pubblico pensiero e, inevitabilmente, con l’intento stesso dell’autore. Ci sono, però, occasioni che mettono tutti d’accordo e diventano veri e propri appuntamenti da non mancare e… il 25 settembre è uno di questi. Esce, infatti, dopo un silenzio durato 15 anni, il nuovo album degli Arti & Mestieri. Un silenzio relativo considerato che le attività parallele, le collaborazioni, le ristampe dei vari album hanno consolidato nelle nuove generazioni la fama di quella che possiamo tranquillamente considerare una delle band più importanti del panorama Prog italiano e internazionale.
Cinque album nelle decadi ’70 / ’80, tournée che li hanno visti condividere il palco con i Gentle Giant e la PFM, un sound che è trait d’union tra rock e jazz, tra virtuosismo e coralità, hanno dato alla band fama internazionale. Tornano oggi, a quarant’anni dalla fondazione e dall’imprescindibile Tilt, con un nuovo e bellissimo album che abbiamo avuto il piacere di ascoltare in anteprima.
Universi Paralleli, questo il titolo, è un concept che si propone come chiave d’accesso a questi mondi paralleli di cui la Scienza teorizza l’esistenza. Tutto questo grazie all’esaltazione di quel potere evocativo peculiare alla Musica. Nelle poche parti cantate il gruppo sofferma lo sguardo anche sulla nuova umanità, quella che si gloria di un’illusoria libertà e che, paradossalmente, è meno libera, più condizionata e, soprattutto, psicologicamente più fragile. E il contrasto tra realtà e ricordo si consuma ne L’Ultimo Imperatore, brano tra i più intensi dell’album.
Anche la copertina e l’elegante e ricco booklet pensato per l’occasione tendono ad esaltare il potere evocativo dell’Arte. Scultura, fotografia e pittura creano fascinose sinergie artistiche.
Universi Paralleli segna anche il ritorno della storica etichetta Cramps; è il ritorno di una band storica che si arricchisce di elementi di primissimo ordine tra i quali spicca il nome di Mel Collins saxofonista e flautista dei King Crimson.
Le cose da dire sarebbero tante ma… io mi fermo qui! Prima di lasciarvi preciso solo che il 25 sarà disponibile l’edizione in vinile. L’edizione in cd è già disponibile dal 18 settembre e l’edizione uscita per il mercato Giapponese ha un bonus track in più.
Qualunque edizione scegliate… sarà sempre quella giusta!

About the author

Fortunato Mannino

Fortunato Mannino

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi