Events News

Youth & Emilio Sorridente @ Museo Del Rock (CZ)

Avatar
Scritto da Red

Martin ‘Youth’ Glover, membro fondatore dei Killing Joke e dei Fireman insieme a Paul McCartney, il 13 giugno 2019 sarà a Catanzaro per un imperdibile concerto con Emilio Sorridente.

Il Museo Del Rock di Catanzaro ospiterà un altro evento imperdibile: questa volta a calcare il palco sarà Martin ‘Youth’ Glover, membro fondatore dei Killing Joke, dei Fireman insieme a Paul McCartney e produttore di innumerevoli album che hanno segnato la storia del rock e non solo (Pink Floyd/ The Verve/Cranberries). Anche questa volta, come già successo nel corso del 2018 con Twink Alder e Gary Lucas, sarà Emilio Sorridente affiancato dalla sua band (Enzo De Masi e Michelangelo Nasso) ad accompagnare l’artista inglese e a produrre interamente lo show. Il concerto, che si svolgerà il prossimo 13 giugno 2019 alle ore 20,00, punta ad essere uno spettacolo in divenire che toccherà le varie fasi della carriera di Youth senza far mancare al pubblico qualche inaspettata sorpresa. Questo importante evento si incastona alla solida programmazione del Museo Del Rock, curata come sempre con grande passione e profonda dedizione dal Presidente Piergiorgio Caruso e dall’instancabile Antonio Ludovico.

BIOGRAFIA

Martin Glover conosciuto come Youth è un musicista e produttore discografico britannico. Membro fondatore e bassista della band inglese Killing Joke, fa parte anche dei The Fireman insieme con Paul McCartney. Artista poliedrico, con una predilezione verso la musica ambient, ha inoltre fondato la sua dub funk band, i Brillant, e registrò un album nel 1986, sciogliendosi poco dopo. Il collegamento tra Youth e la musica dub continuò nella metà degli anni novanta quando Adrian Sherwood gli chiede di remixare qualcuna delle tracce di Bim Sherman del suo album Miracle; successivamente, è apparso in un album di Ted Parsons/NIC. Nei primi anni novanta Glover formò i Blue Pearl, un duo techno e house con la cantante statunitense Durga McBroom.  La sua casa discografica Butterfly Records produsse artisti come Take That, Wet Wet Wet, Tom Jones, The Orb, Maria McKee e Heather Nova. Youth partecipò alla produzione del disco dei The Verve ‘’Urban Hymns’’ e quello di Dolores O’Riordan ‘’Are You Listening?’’. Ha anche fatto il produttore per altri gruppi, tra cui Primal Scream, Embrace, Siouxsie and the Banshees, Art of Noise, Crowded House, Zoe, P.M. Dawn, Yazoo, Erasure, U2, Bananarama, INXS, James, Wet Wet Wet, Depeche Mode, The Shamen, Texas, Dido, Cranberries, Gravity Kills, Fake?. Si attribuisce a Glover la fondazione della prima etichetta discografica di psy-trance, la Dragonfly Records. Youth creò altre etichette come Liquid Sound Design e Kamaflage Records. Glover ha anche lavorato con i Duran Duran ai primi passi del loro album nel 2005. È membro anche della band Transmission con Simon Tong dei The Verve, Paul Ferguson dei Killing Joke e Tim Bran dei Dreadzone. Ha anche registrato alcune parti di chitarra per i Client nell’album Heartland. Nel 2008 ha prodotto Everything’s the Rush dei Delays. Nel 2014 è stato impegnato come produttore, insieme a David Gilmour, Andy Jackson e Phil Manzanera, con l’album dei Pink Floyd “The Endless River”.

https://www.facebook.com/MartinYouthGlover/

https://twitter.com/youthmartin

https://www.instagram.com/youth_martin/

Emilio Sorridente affonda le proprie radici artistiche nel rock psichedelico e nel blues. Il viaggio musicale del chitarrista e cantante si snoda attraverso un cantautorato sperimentale (Anomalia di sistema, Reality Show) passando attraverso divagazioni rock-reading (7 Sins) e un passato di collaborazioni e apparizioni dal vivo con diverse personalità del blues (Franco Vinci, Roberto Ciotti, Will Tang & Patrick Murdoch) e del rock (Sasha Torrisi, Black Seeds, Encelado, John ‘Twink’ Alder, Gary Lucas). L’ultimo album, ‘From the Shell‘, è uscito in vinile per RNC Music/Self e ha vinto il Best Vinyl Award 2016 per la miglior copertina in vinile in Italia, opera di Carmelo Marturano e Doc Murdàka.  Quasi interamente strumentale, l’album si chiude con ‘Love will find you’, canzone scritta a quattro mani con Michael Orzek e masterizzata da Andy Jackson, sound engineer dei Pink Floyd.

www.emiliosorridente.com

https://www.facebook.com/EmilioSorridenteMusic/

https://twitter.com/emiliosorrident

https://www.instagram.com/emilio_sorridente/?hl=it

 

About the author

Avatar

Red

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi