Cookie Policy

Sound&Vision

Xavier Rudd @ Atlantico Live

Bruno Pecchioli
Scritto da Bruno Pecchioli

Un gradito ritorno in quel di Roma per l’australiano Xavier Rudd con una voce black che piu’ black non si può.

Un gradito ritorno in quel di Roma per l’australiano Xavier Rudd, genietto dagli occhi vispi e sorridenti color del cielo e dai capelli biondi e accessi come il sole di giugno ma, soprattutto, artista con una voce black che piu’ black non si può.
Atterrato nuovamente in terra Italica col suo STORM BOY WORLD TOUR che toccherà anche Bologna e Milano, Xavier ha difatti presentato al pubblico dell’Atlantico il suo ultimo lavoro “Storm Boy”, arrivato a 6 anni di distanza dalla sua ultima fatica da solista (Spirit Bird, 2012).
preceduto dal singolo “Walk Away” – sicuramente uno dei brani piu’ intensi e coinvolgenti scritti fino ad oggi dal cantante – “Storm Boy”  è certamente un’opera in cui natura, pace ed amore si fondono ad inondare il cuore e l’anima di uno dei musicisti piu’ puri dell’attuale panorama internazionale.
“spread the love and bring the vibrations” è un pò il leitmotiv di Rudd che disegna parabole melodiche a tutto tondo nei 13 pezzi che danno forma e sostanza all’intero album.
E, di certo, il mix di origini di Xavier – irlandese da parte di nonna ed olandese da parte di nonno…con anche una bisnonna aborigena! – hanno finito per influenzare e non poco la sua musica, caratterizzata da un folk contaminato dai suoni della natura in una continua preghiera verso la pioggia e il verde rigoglioso della sua amata terra: l’Australia.
Ecco che si abbassano le luci e, scalzo e con indosso solamente una salopette, Xavier fa il suo ingresso nell’arena accompagnato dal boato e dagli applausi del suo pubblico. Ringrazia, ringrazia tutti l’artista australiano, con gli occhi al cielo alla fine di ogni canzone e con in faccia stampato il sorriso di chi sa che, attraverso la musica, l’energia si sprigiona e prende vita in un tumulto di sensazioni che non lasciano spazio alla razionalità.
Un gran bel live, insomma. un concerto “da vivere”. Un ascolto coinvolgente e, perchè no, a tratti anche confortante. Si perchè, noi di SOund36, lasciamo l’Eur ancora una volta rinfrancati e coccolati da quella magia che solo la musica è in grado di sprigionare.
Opening act per il talentuoso e raffinato cantautore The Leading Guy che, dopo la serata dell’Atlantico, sara’ al fianco di Rudd anche nelle altre date del tour.

Articolo e Fotografie di Bruno Pecchioli

About the author

Bruno Pecchioli

Bruno Pecchioli

Bruno "Pek" Pecchioli. Romano per nascita e tradizione.
Fotografo per consapevolezza e necessità.
Viaggiatore periodico.
Ferocemente dipendente da ciò che meraviglia.
E la musica è meraviglia. Sempre. Until the end.

error: Sorry!! This Content is Protected !!