Recensioni

The Midwest Beat – Free of Being

Claudio Donatelli

Liberi di essere quello che sono, quello che amano, cioè la musica come veicolo di pure good vibrations!

ci addentriamo nel Wisconsin per scoprire questa piccola/grande band dal nome The Midwest Beat. Sono sulla scena musicale da più o meno 10 anni, sono in quattro e formano una tipica band chitarre, basso, batteria, con la peculiarità di saper giocare con le voci al punto da creare nuovi strumenti armonici. Liberi di essere quello che sono, quello che amano, cioè la musica come veicolo di pure good vibrations!
In questi giorni è uscito il loro nuovissimo disco Free of Being, reperibile in vari e accattivanti formati, tra i quali un blu elettrico vinile in tiratura limitata.
Probabilmente sono lontani dalla genialità della società Lennon McCartney spa, ma l’attacco in apertura di Free of Being e Vortex Hole è capace di far spuntare il famoso taglio a caschetto anche agli ascoltatori meno dotati. E finalmente Dio donò gli strumenti a questi 4 ragazzi per suonare gli accordi e per intonare le armonie vocali di Blank Stares, una perfetta power pop song, che chiama a raccolta i tanti fedeli che si nascondono dietro la neo psichedelia folk. Rock’n’roll fino al midollo, easy listening senza vergogna, musica diretta, senza filtri di nessun genere. Il giovane quartetto sembra vivere in mondo cronologicamente distante dall’attuale, fuori tempo quindi, un luogo dove le strutture e gli intrecci musicali sono semplici, precisi, le voci creano un magico tappeto che fa volare l’ascoltatore in un bizzarro Coast to Coast.
Nel proseguire l’ascolto si scoprono anche momenti più riflessivi come in Connection To The Dream Lodge, dove i Traveling Wilsbury sembrano essersi persi nel deserto. Molto bella è anche la ballata High Life, scordata e stonata ad arte, sconsolata e persa in un country di serie B.
I suoni vintage, un’accennata bassa fedeltà fanno il resto, donano al disco una dolce e malinconica poetica da post tecnocrazia. Il beat torna a battere con the Midwest Beat!

Claudio Donatelli

About the author

Claudio Donatelli

Claudio Donatelli

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi