Cookie Policy

Interviste

Stefano Meli, Intervista

Annalisa Nicastro

Abbiamo incontrato e conosciuto Stefano Meli in occasione dell’uscita del suo sesto album “No Human Dream”. Stefano ha scritto e prodotto l’album, registrandolo in presa diretta accompagnato da una Silvertone Kay del 1959 e una Harmony Stella del ‘60, al Little Lost Cat Studio Recording, un piccolo studio disperso nelle campagne siciliane, e ha completato poi le registrazioni da Carlo Natoli al Phantasma Studio Recording.
Siamo rimasti molto colpiti dal suo sound che ha nel fingerpicking uno dei suoi punti di forza.
“No human dream” si definisce un disco due chitarre e solitudine. Anche se a ben guardare c’è la collaborazione dei Gentless3 (Carlo Natoli al basso e al mix, Sergio Occhipinti al basso e alle Spoken Words, Sebastiano Cataudo alla batteria) e della violinista spagnola Anna Galba (Fratelli La Strada). Sentiamo cosa ci racconta Stefano della sua musica e del suo mondo

About the author

Annalisa Nicastro

Annalisa Nicastro

Mi riconosco molto nella definizione di “anarchica disciplinata” che qualcuno mi ha suggerito, un’anarchica disciplinata che crede nel valore delle parole. Credo, sempre e ancora, che un pezzetto di carta possa creare effettivamente un (nuovo) Mondo. Tra le esperienze lavorative che porterò sempre con me ci sono il mio lavoro di corrispondente per l’ANSA di Berlino e le mie collaborazioni con Leggere: Tutti e Ulisse di Alitalia.
Mi piacciono le piccole cose e le persone che fanno queste piccole cose con amore e passione

error: Sorry!! This Content is Protected !!