Cookie Policy

A propos de News Recensioni

Simone Saturno: l’esordio si intitola “Oltre Me”

Annalisa Nicastro

Cover 1400x1400 SaturnoEccoli i suoi primi 13 brani inediti destinati alla critica e al pubblico, i primi della sua carriera a trovare una via di pubblicazione ufficiale firmata Artis Records / Edel. Lui si chiama Simone Saturno, 23 anni appena, romano e internazionale allo stesso tempo. Ci regala un esordio dal titolo “Oltre me” che in 11 brani racconta la spiritualità del suo contesto giovanile, la leggerezza, la fragilità ma anche quel certo modo di amare disincantato che ancora resiste alle ceneri di un’adolescenza spregiudicata. A questi si uniscono 2 brani che sono remake in lingua inglese ed è qui che doverosamente apro una parentesi ricca di meraviglia e piacere: di colpo il disco lascia da parte la sua italianità sonoro e testuale, il suo modello pop rock a cui ormai siamo oltremodo abituati e si veste di una qualità che non ha paragone, almeno restando alle tracce precedenti. Una voce che più si adatta, che più si modella, che meno finge e più si manifesta sincera e sicura. I suoni elettrici ed elettronici sembrano finalmente tornare a dialogare, finalmente ora dopo 11 brani in cui si ha quasi la sensazione che, anche se con buoni risultati, abbiano provato vie alternative per provare a sopportarsi.

Un bel disco di musica italiana, un bel disco che si contamina di un’America di ruggine già spulciata e spolverata con gran mestiere da nomi giganti quali Vasco Rossi, Nek o Ligabue (per restare in questo preciso ambito). Il giovane Saturno ripercorre tutto questo, forse, nel suo primo disco dal titolo “Oltre me” e lo fa con sincerità e sana ambizione, lasciando trasparire la voglia di misurarsi e di scoprirsi per arrivare finalmente a dare un occhio esterne ed imparziale al suo universo personale.

Ingenuità e prime armi che si svelano senza troppa arroganza, soprattutto guardando il suo primo videoclip del primo singolo estratto dal titolo “Sei (Ancora)”. La perdoniamo e, anzi, la celebriamo di gusto sapendo che proviene da qualcuno che come tanti ci sta provando davvero e che, come pochi, non si crede di aver raggiunto il traguardo.

About the author

Annalisa Nicastro

Annalisa Nicastro

Mi riconosco molto nella definizione di “anarchica disciplinata” che qualcuno mi ha suggerito, un’anarchica disciplinata che crede nel valore delle parole. Credo, sempre e ancora, che un pezzetto di carta possa creare effettivamente un (nuovo) Mondo. Tra le esperienze lavorative che porterò sempre con me ci sono il mio lavoro di corrispondente per l’ANSA di Berlino e le mie collaborazioni con Leggere: Tutti e Ulisse di Alitalia.
Mi piacciono le piccole cose e le persone che fanno queste piccole cose con amore e passione

error: Sorry!! This Content is Protected !!