Cookie Policy

Pop Corn Recensioni

Settanta Revisited – Carlo Crescitelli

Fortunato Mannino

Non si tratta di un libro convenzionale, ma di uno sfogo dove le vicende personali, i ricordi s’incrociano e si scontrano con la macro-storia

Ho letto con molta attenzione Settanta RevisitedGuida sballata e verbosa per l’anziano rincattivito di questi anni millennovecentoduemili (Terebinto Edizioni), ultimo lavoro di Carlo Crescitelli e sono arrivato alla conclusione che i possibili destinatari di questo libro sono fondamentalmente due. I primi, me compreso, sono coloro che i ’70 li hanno vissuti e coloro che, invece, ne hanno sentito solo parlare. Per i primi il sottotitolo è assolutamente inutile, perché nel ragionamento / sfogo dell’autore non vi è nulla di sballato e anche il linguaggio colorito ha un senso e un suo perché. Abbiamo, con tutte le difficoltà del periodo, vissuto anni spensierati in cui sognare e fantasticare era ancora possibile, anni durante i quali il mondo si scopriva pian piano e crescere all’ombra di una stabilità di valori era ancora possibile. E mentre si cresceva, l’Italia e il mondo mutavano: grandi riforme, grandi conquiste sociali a cui fanno da contraltare anni di paura e violenza, e poi la Musica la grande Musica che ci ha accompagnato e che nel libro è puntualmente citata. E poi!?!? E poi tutto è velocemente cambiato e ci siamo ritrovati ad essere, come dice l’autore in apertura, l’anello di congiunzione tra l’analogico e il digitale, in poche parole testimoni viventi di un mondo che non c’è più e uno che non riusciamo a riconoscere appieno.
Non si tratta di un libro convenzionale, ma di uno sfogo dove le vicende personali, i ricordi s’incrociano e si scontrano con la macro-storia ubbidendo solo all’avvicendarsi degli anni. Un libro carico di spunti di riflessione, ma anche di malinconici ricordi e di particolari che, personalmente, avevo seppellito nella memoria. Un libro, dunque, che consiglio vivamente a chi quegli anni li ha vissuti e che, magari, non riesce a spiegarsi il perché di certe sensazioni. E gli altri? Ecco! Agli altri consiglio di leggerlo e di farlo proprio. Di ricercare nello sfogo verità che nessun libro di Storia può raccontare. Di ritrovare nei particolari e negli spunti un’epoca che conoscono solo indirettamente. E, forse, anche la gioia di vivere di quegli anni meno tecnologici sì, ma più veri.

About the author

Fortunato Mannino

Fortunato Mannino

error: Sorry!! This Content is Protected !!