Recensioni Soundcheck

SALE – L’INNOCENZA DENTRO ME

Bruno Pecchioli
Scritto da Bruno Pecchioli

Il debut album di Sale affronta, con piglio maturo e consapevole, i temi “classici” di una intera generazione: la vita e le sue molteplici sfide.

Edito da Materiali Sonori, storica etichetta discografica indipendente italiana, “L’innocenza dentro me” è l’opera prima di Eugenio Saletti, in arte Sale, talentuoso figlio d’arte (il padre è Stefano Saletti, leader della Banda Ikona nonché, per questa occasione, produttore artistico dell’album ndr) ed, ora, cavallo di razza di una scuderia di giovani cantautori italiani che non smette più di stupire.
Cresciuto quindi a pane e cantautorato di razza, il ventenne polistrumentista romano (suona chitarra, basso, tastiere e pianoforte ndr) dimostra, in questo primo lavoro realizzato sulla scia della vittoria del bando “SIAE S’Illumina”, di saper coniugare al meglio la canzone d’autore al rock ed all’elettronica, presentandoci ma, soprattutto, presentandosi con un disco pieno zeppo di spunti e variegate sonorità.
Un debut album che affronta, con piglio maturo e consapevole, i temi “classici” di una intera generazione: la vita e le sue molteplici sfide. La crescita e l’urgenza di cambiamento, vero e proprio filo conduttore di tutti e dieci i brani che danno forma e sostanza all’intero cd.
E, ovviamente, non poteva mancare l’amore. Quello “innocente”, giovane e spensierato. Quello che ti fa soffrire e, al tempo stesso, maturare. Ed è difatti proprio in quell’amore narrato nell’ultimo brano (Rimani, ndr) che, l’innocenza pare ritrovarsi nella sua forma più autentica e cristallina. Si, perché solamente quando si è in grado di amare si può raggiungere quella completezza che, la crescita, reclama appunto a gran voce.
E per realizzare tutto questo, il giovane artista ha pensato bene di affidarsi a compagni di viaggio vecchi e nuovi. Ed ecco allora Seby Burgio a piano e tastiere, Martina Bertini al basso e Filippo Schininà alla batteria ad impreziosire ancora di più un lavoro che, anche se d’esordio, siamo assolutamente certi non rimarrà episodio isolato perché, la grinta e la determinazione di questo ragazzo, riesce a percepirsi in ogni singola traccia del disco.
Un prodotto autentico, insomma. Impreziosito ulteriormente dalla giovane voce di Cristina Cecilia con la quale, Sale, duetta appunto nel brano “Rimani” e l’importante contributo dei cantautori Lorenzo Lepore e Jacopo Troiani di Officina Pasolini, l’importante scuola di formazione diretta da Tosca .
Un album, è bene evidenziarlo, in cui ogni singolo strumento pare avere un ruolo ben preciso fondendosi alla perfezione assieme agli altri in un concentrato di suoni e melodie che, certamente, danno modo a chi lo ascolta di guardare, musicalmente parlando, al futuro con ottimismo e rinnovata passione.

About the author

Bruno Pecchioli

Bruno Pecchioli

Bruno "Pek" Pecchioli. Romano per nascita e tradizione.
Fotografo per consapevolezza e necessità.
Viaggiatore periodico.
Ferocemente dipendente da ciò che meraviglia.
E la musica è meraviglia. Sempre. Until the end.

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi