Cookie Policy

News

Premio Buscaglione 2013

Annalisa Nicastro

Associazione Culturale F.E.A. presenta
Premio Buscaglione 2013

Concorso per cantautori post-contemporanei
Iscrizioni dal 15 settembre al 15 novembre 2013
Serate finali 20-21-22 febbraio 2014 all’interno del festival “Sotto il Cielo di Fred”

Riparte il 15 settembre per la sua terza edizione il Premio Buscaglione, il concorso a cadenza biennale che negli ultimi anni si sta affermando come una delle più interessanti manifestazioni italiane dedicate alla canzone d’autore. Un Premio giovane e dinamico, il primo in Italia ad aver dato la possibilità di iscriversi sul web, gratuito ed aperto a tutti, con la possibilità di aggiudicarsi premi molto ricchi. Tra questi un primo premio da 3000 euro, il Premio La Tempesta Dischi che consentirà di vedere un proprio brano inserito all’interno della compilation prodotta annualmente della più prestigiosa etichetta indipendente Italiana ed un Premio della Critica che permetterà di aggiudicarsi un live tour all’interno dei numerosi festival partner dell’evento. Il tutto ricordando la figura artistica di Fred Buscaglione, legato a doppio filo alla città di Torino in cui è nato il Premio ed al concept dello stesso, tanto per la lunga gavetta compiuta prima di raggiungere il successo quanto per il suo coraggio nel configurarsi come un artista fuori dagli schemi e che non è mai sceso a compromessi.

Sarà possibile iscriversi esclusivamente su www.sottoilcielodifred.it dal 15 settembre al 15 novembre 2013 (il regolamento completo è disponibile sul sito). Dal 15 novembre la giuria di qualità, composta da alcuni tra i più importanti addetti ai lavori italiani, procederà all’ascolto di tutto il materiale pervenuto, selezionando 9 semifinalisti. In parallelo, dal 16 novembre al 16 dicembre, anche la giuria popolare potrà ascoltare e votare i brani degli iscritti sul sito web del concorso, andando così a delineare una propria classifica di gradimento. Tra i primi 5 classificati della giuria popolare sarà poi la giuria di qualità a determinare 1 ulteriore semifinalista, che andrà così a completare la line up delle 10 band che si esibiranno dal vivo durante le serate finali. I semifinalisti verranno resi noti il 20 dicembre 2013.

Le serate finali si terranno il 20-21-22 febbraio 2014 all’interno del festival dedicato a Fred Buscaglione “Sotto il Cielo di Fred”, che prevedrà anche la terza edizione della Notte Rossa Barbera, la prima edizione della Sagra della Barbera ed una settimana di conferenze tematiche a cavallo tra musica, cultura ed enogastronomia. Durante le serate finali i semifinalisti verranno valutati sulla base della loro esibizione live ed avranno la possibilità di esibirsi dividendo il palco con ospiti prestigiosi (tra gli artisti intervenuti nelle scorse edizioni Dente, Ex Otago, Zen Circus e molti altri). Infine ad altri 30 artisti, non selezionati tra i semifinalisti ma ugualmente ritenuti meritevoli, verrà data la possibilità di esibirsi all’interno dei locali che aderiranno alla Notte Rossa Barbera durante lo svolgimento della stessa, garantendo così in totale la possibilità di esibirsi live a ben 40 progetti musicali tra quelli iscritti.

Il Premio Buscaglione è organizzato dall’Associazione Culturale F.E.A., ed si sostiene anche grazie alle serate “Avanzi di Balera” che l’Associazione organizza a Torino nel corso di tutta la stagione.

SUL WEB: www.sottoilcielodifred.it – info@sottoilcielodifred.it
UFFICIO STAMPA: Libellula – press@libellulamusic.it – 3927208477

APPROFONDIMENTI

Riparte il 15 settembre il Premio Buscaglione, realtà nata e cresciuta a Torino a partire dal 2010 ed in rapida ascesa. Il Premio, dedicato alla figura artistica di Fred Buscaglione e giunto alla sua terza edizione, è ormai entrato a pieno titolo tra le più interessanti manifestazioni italiane dedicate alla canzone d’autore, collezionando oltre 5000 presenze nel corso della sua seconda edizione.

L’idea di un Premio per cantautori emergenti nasce dalla volontà di valorizzare l’innata vocazione artistica della città di Torino, sede delle serate finali del Premio, fin dagli anni ’80 fucina nazionale di musica underground. Si tratta di un Premio orgogliosamente giovane, tanto da essere stato il primo in Italia a permettere ai candidati di iscriversi on line, sfruttando i modelli dei social network e consentendo così ad ogni candidato di godere di una maggiore visibilità potendo essere ascoltato, oltre che dal proprio pubblico affezionato, anche dai fan degli altri partecipanti. Un modello che si è rivelato vincente, tanto da collezionare un totale di 65.000 ascolti durante l’edizione 2012.

Il Premio Buscaglione si rivolge in particolare ai cantautori post-contemporanei, quelli che cantano il nostro tempo con ironia e sarcasmo, consapevolezza e malinconia, e che rappresentano quindi la nuova scena della musica popolare italiana, lontana dalle luci seducenti della cultura commerciale e che preferisce i live alle trasmissioni tv ed i palchi alle poltrone. Tra i vincitori delle scorse edizioni si possono ricordare nomi quali Lo Stato Sociale, Andrea Cola, Giovanni Block e Jang Senato.

Il Premio si pone come primo obiettivo musicale quello di valorizzare il più possibile i nuovi talenti musicali, rendendo accessibile a tutti l’iscrizione con la formula gratuita e garantendo premi di assoluto prestigio. Oltre al Primo Premio, che consentirà di aggiudicarsi una cifra in denaro di 3000 euro, verranno infatti assegnati un Premio Speciale La Tempesta Dischi (il quale consentirà di entrare a far parte della compilation prodotta annualmente dalla più importante etichetta indipendente italiana) ed un Premio Speciale della Critica (il quale consentirà al vincitore di tenere un tour all’interno di alcuni dei più prestigiosi festival musicali italiani nel corso dell’estate 2014 tra cui Collisioni, Ephebia, Indi(e)Avolato Fest, I Scream Festival, Alpette Festival, Aspettando il Primo Maggio e molti altri).

La scelta di intitolare il Premio a Fred Buscaglione non è naturalmente casuale: il cantautore torinese è stato un artista che non è mai sceso a compromessi e che ha dovuto affrontare una lunga gavetta di concerti prima di trovare il successo. Allo stesso tempo è anche il simbolo di un’epoca, gli anni ’50, in cui esisteva una filiera culturale corta caratterizzata da luoghi quali piole e bocciofile in cui questa cultura poteva esprimersi. Non a caso molti degli eventi di “Sotto il Cielo di Fred” si tengono sin dalla prima edizione all’interno di piole e bocciofile, intesi come luoghi rappresentativi di un modello di cittadinanza attiva tipica degli anni ’50 e che il festival prende come punto di riferimento per la rinascita di una cultura maggiormente partecipata, in contrasto con la globalizzazione dilagante dei giorni nostri.

Come racconta l’organizzatrice del festival Francesca Lonardelli: “Buscaglione è stato un bel personaggio, a livello umano ancor prima che artistico. E’ sempre stato molto umile, a suo agio nei barucci e nelle piole della sua Vanchiglia, un quartiere popolare di Torino. Ha fatto 10 anni di dura gavetta in piole, night club e balere prima di assaporare, per due brevissimi anni precedenti alla sua prematura scomparsa, il successo. Cantava, con ironia, dei suoi coetanei, quelli del lavoro degli umili (Porfirio) che però sognavano l’America del whisky facile e delle bionde tracotanti, così come di quell’immaginario esterofilo che era stato dipinto in quegli anni a cavallo fra la fine della guerra e il boom economico. Tutto questo in netto contrasto con la melodrammaticità sanremese della canzone italiana dei suoi colleghi. A lui abbiamo voluto intitolare un Premio che va esplorando la scena della nuova musica cantautoriale italiana, dove artisti nuovi, immersi nelle fatiche degli esordi, si esibiscono in piccoli locali o circoli cantando dei loro coetanei o degli immaginari che via via vanno modificandosi in uno scenario storico in sempre più rapida evoluzione.”

About the author

Annalisa Nicastro

Annalisa Nicastro

Mi riconosco molto nella definizione di “anarchica disciplinata” che qualcuno mi ha suggerito, un’anarchica disciplinata che crede nel valore delle parole. Credo, sempre e ancora, che un pezzetto di carta possa creare effettivamente un (nuovo) Mondo. Tra le esperienze lavorative che porterò sempre con me ci sono il mio lavoro di corrispondente per l’ANSA di Berlino e le mie collaborazioni con Leggere: Tutti e Ulisse di Alitalia.
Mi piacciono le piccole cose e le persone che fanno queste piccole cose con amore e passione

error: Sorry!! This Content is Protected !!