Cookie Policy

Recensioni Soundcheck

Polyverso – Antagonista

Gianni Vittorio
Scritto da Gianni Vittorio

E’ un disco di debutto di ottimo livello, caratterizzato da un sound oscuro di ambientazione sintetica

E’ appena uscito il nuovo progetto “Polyverso”, nato dalla collaborazione tra Adriano Iacoangeli, polistumentista, ed Arianna Todero, vocalist dalla voce enigmatica e suadente.
Si tratta di una proposta sonora di carattere derivativo, seppur con qualche spunto interessante. A corollario va segnalato come negli ultimi anni la musica indie/rock stia trovando terreno fertile tra gli artisti italiani, a dimostrazione che la creatività si trova anche nel nostro paese.
Tra i brani da citare vi è sicuramente Plastic bag, dai suoni tetri e sinistri; Hidden Place, in pieno stile post-punk, e The rival. In quest’ultima traccia la voce eterea di Ari ci avvolge in un tappeto sonoro dark-wave. Con Quiescence il ritmo ritorna prepotente con bassi cupi ed intermittenti.
La parte più synth la troviamo nella seconda parte dell’album (Disgraced – pezzo sinth-pop con influenze dance). Il connubio perfetto tra elettronica e chitarrismo di matrice dark è presente in Cannibal, forse la canzone più riuscita.
In conclusione un lavoro ben prodotto da parte dei Polyverso, che ci consegnano un disco di debutto di ottimo livello, caratterizzato da un sound oscuro di ambientazione sintetica, attraversato da un’atmosfera fantascientifica (di dickiana memoria), elegante negli arrangiamenti, e con spunti di chitarre wave.
Elegante e oscuro.

About the author

Gianni Vittorio

Gianni Vittorio

error: Sorry!! This Content is Protected !!