Cookie Policy

Sound&Vision

Peppino Di Capri @ Teatro Augusteo (NA)

Mario Catuogno
Scritto da Mario Catuogno

Peppino Di Capri al Teatro Augusteo in “Una Musica infinita”

 

Al Teatro Augusteo di Napoli, sabato 15 ottobre in scena uno straordinario Peppino di Capri con il concerto “Una musica infinita”, spettacolo interamente dedicato ai suoi fan.
Di Capri ha accompagnato e fatto sognare con le sue canzoni tre generazioni di italiani. L’artista, che a soli 4 anni già̀ suonava al pianoforte i successi musicali americani, ha partecipato a 15 Festival di Sanremo, vincendone due: nel 1973 con il brano “Un grande amore e niente più̀”; e nel 1976 con il brano “Non lo faccio più̀”, è ormai sull’onda del successo da quasi 60 anni visto che la sua carriera artistica iniziò nel 1958 con “Malatia”.
Difficile ripercorrere tutta la sua carriera, visto che le sue canzoni fanno parte della storia della musica italiana.
Intere generazioni hanno cantato e ballato Let’s twist Again, Champagne, Roberta e decine di altri successi. È stato il primo a portare lo “swing” in Italia, come lui stesso ha ricordato durante l’inizio del concerto di ieri sera, inciso circa 50 Album, ha dato vita a decine e decine di tour di grandissimo successo, anche all’estero, ha ricevuto numerosissimi riconoscimenti ricevuti nella sua lunghissima carriera (Commendatore della Repubblica, le chiavi di Saint Tropez per aver contribuito allo sviluppo del turismo grazie a St. Tropez Twist, oltre che esibirsi sul palco del Grammy Museum a Los Angeles, privilegio di pochi eletti, e ricevere un premio alla carriera negli Stati Uniti).
Un grande Artista e un grande uomo che è riuscito a superare una crisi del suo genere musicale alla fine degli anni ’60 con l’arrivo dell’ondata Beatles e le nuove mode musicali più rock che avevano invaso il panorama musicale anche italiano e sembrava che il suo stile inconfondibile di “chansonnier dei sentimenti” dovesse essere destinato a finire.
Invece dagli anni ’70 in poi finalmente la rinascita con altri grandi successi, la partecipazione a diverse edizioni di “Un Disco per l’estate” e appunto le vittorie a Sanremo con brani che entreranno poi di diritto nella sua discografia di maggiore consenso del pubblico, fino a renderlo davvero il grande protagonista del mondo musicale italiano quale egli è oggi.
Dopo un anno costellato di attività e successi tra musica e cinema (simpaticissima la sua interpretazione del boss in “Natale col boss” film commedia del 2015) dopo il successo al Teatro Sistina di Roma agli inizi di ottobre, torna in scena con un concerto teatrale con un’interessante formazione composta da quartetto d’archi, una band di bravissimi musicisti e tre coriste riproponendo i grandi successi del suo repertorio oltre a dar prova, non solo della sua ancora bellissima voce ma anche della sua ironia esibendosi in una serie di spiritosi dialoghi con un attore sul palco che interpretava un conduttore radiofonico impegnato in una “finta” diretta con la sua Radio, avendo così il pretesto per poter presentare curiosi aneddoti sulla storia delle canzoni presentate e sulla sua lunghissima carriera.
Applauditissimo, anzi osannato, dal pubblico numerosissimo presente in sala (un autentico sold out ), ha presentato quasi trenta brani del suo storico repertorio musicale (“Luna Caprese”, “Roberta”, “Palomma e Notte”, “Alleria”, “Nun e’ peccato”, “Malatia”, “Voce e Notte” solo per citarne alcuni) insieme alle canzoni che fanno parte dei suoi ultimi album come la famosissima “Il sognatore” che lui stesso ha dichiarato essere la canzone che preferisce di più visto che è quello che lui è, e “I miei capelli bianchi” , la sua 500esima composizione, una bellissima e autobiografica canzone che l’autore ha recentemente presentato in televisione, in occasione di alcune prestigiose prime serate Rai.
Grande finale con l’esecuzione di due brani che hanno scatenato la platea come “Let’s twist again “e “Saint Tropez Twist” e ovviamente applausi infiniti per il bis con “Champagne “con il quale l’Artista ha salutato il suo pubblico.
Altro grande successo quindi per il Teatro Augusteo che sta sempre di più proponendo Artisti di grandissimo livello e spettacoli di grandissimo seguito di pubblico e di critica.

Si ringrazia per gli accrediti concessaci la Direzione del Teatro Augusteo e Marco Calafiore addetto stampa

Articolo di Annamaria De Crescenzo
Foto di Mario Catuogno Spectra Foto

About the author

Mario Catuogno

Mario Catuogno

Miope da sempre, la messa a fuoco manuale non è stata mai facile per me. Mi venivano bene solo i panorami. Ringrazio la tecnologia per la MAF automatica e altre diavolerie, mai soddisfatto delle mie foto

error: Sorry!! This Content is Protected !!