Cookie Policy

Recensioni

Paolo Spaccamonti/Ramon Moro – I Cormorani

CormoraniCover
Fortunato Mannino

Il suo approdo al mondo del cinema è qualcosa di assolutamente naturale.

Mi è capitato più volte di recensire i dischi di Paolo Spaccamonti e credo che il suo approdo al mondo del cinema sia qualcosa di assolutamente naturale. Così come è assolutamente naturale che ad accompagnarlo in questa affascinante avventura sia il trombettista Ramon Moro. Perfetti entrambi nel raccontare con i loro strumenti le increspature dell’anima e a dare voce a paesaggi ed emozioni. Perfetti per raccontare il lungometraggio I Cormorani, che si è aggiudicato il Premio della Critica al Festival di Trieste e che è arrivato nelle sale il primo di dicembre 2016. Fabio Bobbio, alla sua prima esperienza alla regia, esplora, in modo mirabile, uno dei periodi più misteriosi e magici per ogni un essere umano: il passaggio dall’infanzia all’adolescenza. Il periodo in cui il gioco fine a se stesso lascia spazio ai turbamenti, alla noia, alle scoperte. Il periodo in cui anche lo spazio o la percezione di esso cambia. Una perdita lenta, inevitabile e naturale, di quell’innocenza che trasforma il bambino in adolescente. Una storia semplice e, nello stesso tempo, molto complessa che Bobbio affronta cercando di cogliere nei protagonisti la naturalità dei gesti, seguendo anche un non copione scritto un po’ di tempo fa dalla Natura stessa.
Il connubio con la Musica, fondamentale per ogni film che si rispetti, è perfetto.

About the author

Fortunato Mannino

Fortunato Mannino

error: Sorry!! This Content is Protected !!